Aveva intestate 78 auto. Sanzioni per oltre 160mila euro al prestanome comasco

Pubblicato il

La Guardia di Finanza di Como ha concluso un’indagine per truffa aggravata ai danni dello Stato, falso in atto pubblico e intestazione fittizia di autoveicoli nei confronti di un cittadino italiano di origini comasche.
Quest’ultimo, attraverso un’attività commerciale puramente di facciata, fungeva da prestanome a numerosi clienti, in particolare pregiudicati e con patente sospesa e/o revocata, che necessitavano di veicoli “puliti” da utilizzare, senza essere rintracciabili, evitando così la riconducibilità di beni in caso di eventuali aggressioni patrimoniali e/o atti di pignoramento da parte dell’Amministrazione Finanziaria e/o dell’Autorità Giudiziaria.

L’indagato ha ripetutamente indotto in errore la Motorizzazione civile ed il Pubblico Registro Automobilistico, dichiarando, falsamente, di essere proprietario di settantotto autoveicoli che in realtà erano nella disponibilità di altri individui intenzionati a rimanere anonimi. Il responsabile, fornendo i propri dati anagrafici, predisponeva la necessaria documentazione ed intestava i veicoli alla sua ditta individuale, usufruendo anche di risparmi ed agevolazioni fiscali (tra cui esenzione totale dal pagamento del bollo auto annuale, esenzione totale dal pagamento dell’imposta Provinciale di trascrizione al PRA, relativa al passaggio di proprietà e riduzione dell’importo delle marche da bollo), fungendo così da mero prestanome.

Tra i clienti pregiudicati e spacciatori

I militari del Gruppo di Como hanno accertato che tra le 78 auto intestate (tra cui Mercedes, Bmw, Jaguar, Volskwagen, Alfa Romeo e altre) al cittadino italiano, alcune erano utilizzate da soggetti con precedenti penali per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, indebita percezione di erogazioni pubbliche, guida senza patente, rapina aggravata, guida sotto l’influenza dell’alcool, furto, immigrazione clandestina, truffa, rissa,
reati finanziari, associazione per delinquere, ricettazione, atti persecutori e violenza o minaccia a pubblico ufficiale.

L’uomo ha ricevuto sanzioni amministrative pari ad oltre 160.000 euro (ovvero da 543 euro a 2.170 euro, per ciascuna autovettura intestata fittiziamente). L’intervento dei Finanzieri ha consentito di bloccare l’attività commerciale, impedendo l’acquisto di nuove auto e la vendita di quelle già possedute e di cancellare, nel frattempo, queste ultime dal Pubblico Registro Automobilistico per intestazione fittizia. Tutte le autovetture in circolazione sul territorio nazionale, in caso di rintraccio, saranno tempestivamente sequestrate.
Resta ferma la presunzione di innocenza del soggetto denunciato penalmente.

Potrebbe interessarti

Maxi controlli dei carabinieri: sequestrati 43 chili di droga a Fino

Proseguono incessanti i controlli dei carabinieri della Compagnia di Cantù e degli Squadroni Carabinieri...

Qual è il miglior ristorante di sushi a Como secondo il Gambero Rosso

Sushi: combinazione perfetta tra le parole “su” (aceto) e “meshi” (riso), arte antica che...

Cade dall’autoscala mentre taglia dei rami: ferito grave un vigile del fuoco

Incidente a Cernobbio oggi 13 giugno in via Monte Grappa. Intorno alle 15 due...