Seconda edizione (2023) per Milano e Lombardia a Tavola che vede come protagonista uno chef, Davide Caranchini, e un ristorante di Cernobbio che rende quindi onore al territorio di Como e provincia. Il premio vinto dallo chef Caranchini per il Materia, il noto ristorante cernobbiese, è quello per il Piatto dell’anno, assegnatogli per la sua Insalata di mare. Questa la motivazione letta durante la premiazione: “Un piatto nuovo eppure già classico. Mirabile esempio di equilibrio rivoluzionario nel sovvertire i valori dei suoi ingredienti con acutezza e ironia”. A premiarlo Francesca Menzozza, responsabile marketing di Riso Scotti.

A consegnare il premio Francesca Menzozza, responsabile marketing di Riso Scotti.

Il premio Pizzeria dell’Anno è andato a Simone Lombardi della pizzeria Crosta di Milano, Paolo de Simone della pizzeria Modus di Milano e Daniele Possi della Pizzeria P di Lissone.

Lo chef dell’anno è Carlo Cracco

Carlo Cracco, per il suo ristorante in Galleria a Milano, è lo Chef dell’anno. Manuele Pirovano del ristorante D’O di Cornaredo ha ottenuto il premio come Sommelier dell’anno, Valentina Bertini del ristorante Langosteria Cucina di Milano il premio per la la Migliore carta delle bollicine.

Manuel Tempesta del ristorante Seta di Milano è il Maitre dell’anno, mentre il premio per La migliore cucina etnica è andato a Yoji Tokuyoshi del ristorante Bentoteca di Milano. Il premio Dolce dell’anno è stato vinto da Federico Rottigni del ristorante Sensorium di Milano per il sorbetto di foglie di vite.