News da Londra e qualche curiosità: perché nel Regno Unito si vota di giovedì?

0
231
Ph Unsplash
Perché nel Regno Unito si vota di giovedì?
Qualche giorno fa a Londra e nella maggior parte del Regno Unito si sono svolte le elezioni amministrative. Come sempre accade da queste parti, la chiamata alle urne avviene il giovedì, anziché la domenica. Perché?
La risposta in realtà non è così immediata. Questo perché non esiste una versione ufficiale ma ci sono diverse teorie, tutte molto affascinanti, che coinvolgono un po’ di storia, cultura popolare, politica e religione. Scopriamole insieme.
Anticamente il giovedì era il giorno dedicato al mercato, dove i contadini avevano la possibilità di venire in città a vendere i loro prodotti. Si crede dunque che questa fosse l’occasione perfetta per permettere a tutti di votare, approfittando della più alta concentrazione di popolazione in città.
Un altro motivo per cui si pensa che il giovedì si sia preferito alla domenica ha a che vedere con la religione. La ragione risiede nell’influenza che la chiesa potesse avere verso i propri fedeli, cioè gli elettori, durante i sermoni delle messe domenicali. Per evitare dunque ogni tipo di condizionamento, pare si sia deciso di anticipare le elezioni al giovedì.
Perché, per esempio, non venerdì allora? Venerdì  è sempre stato considerato giorno di paga settimanale. Piccola parentesi: nel Regno Unito fino a qualche anno fa era consuetudine ricevere lo stipendio settimanalmente, anziché mensilmente. Personalmente, ricordo ancora alcuni annunci di lavoro verso il 2012/2013, cioè i primi tempi in cui vivevo in Inghilterra, che calcolavano lo stipendio su un periodo di sette giorni.
Questo aspetto si unisce Inevitabile alla propensione da parte delle persone di uscire maggiormente il venerdì per socializzare e spendere parte del proprio stipendio in pinte di birre e alcol in generale.
Evitare dunque interferenze con chiesa e pub sembra sia stata un’altra ragione per cui il giovedì fosse preferito ad altri giorni della settimana.
Infine, si ritiene che anche da un punto di vista prettamente politico e organizzativo il giovedì fosse visto di buon occhio. Avere i risultati disponibili il venerdì avrebbe infatti permesso al nuovo primo ministro di formare un governo e organizzarsi per essere pronto già il lunedì successivo, primo giorno della settimana.
Come possiamo notare, quindi, tutte le teorie hanno un senso logico e sembrano convincerci del fatto che forse, tutto sommato, il giovedì era veramente il giorno migliore per votare. 
Ancora una volta, inoltre, è interessante capire come il popolo britannico spesso vada in controtendenza a quelli che sono usi e costumi adottati dai paesi europei per prendere decisioni proprie, facendo emergere un carattere indipendentista e autonomo che è possibile riscontrare ancora ai giorni nostri.