Lettera aperta ad ASF da un pendolare leggermente contrariato

Pubblicato il

Parlo in qualità di pendolare comasco che utilizza i mezzi pubblici da tutta la vita. Il servizio è sempre stato diciamo rivedibile ma da qualche mese a questa parte la situazione è degenerata. La mia esperienza è legata alle tratte urbane che negli orari di punta alla mattina e alla sera dovrebbero consegnarmi a lavoro e dai miei figli. In ritardo nel primo caso, assenti nel secondo. Corse cancellate una in fila all’altra, ritardi se così vogliamo chiamarli, anche di 1 ora. Chiunque pianifica i suoi impegni giornalieri anche o soprattutto in base agli spostamenti che deve fare: portare a scuola i bambini, in piscina, tornare a casa a far da mangiare, andare ad un incontro di lavoro, recarsi in università per sostenere un esame e così via. Ci consigliano di inquinare di meno, ce lo chiedono a gran voce di usare i mezzi pubblici, aumentano persino i costi di biglietti ed abbonamenti e poi questo è il risultato. Chiedo a gran voce e con una certa disperazione di sistemare il servizio e renderlo veramente utile al cittadino, che poi sale sul mezzo e si lamenta con l’unico incolpevole, l’autista. Ma come puoi biasimarli, io no.

Potrebbe interessarti

Maltempo, paura per due ragazze disperse sul Monte San Primo

Grande spavento ieri per due giovani ragazze. Ieri alle 18.20 è giunta alla sala...

Le prossime chiusure sull’autostrada A9 Lainate-Como-Chiasso

Sulla A9 Lainate-Como-Chiasso, per consentire attività di ispezione e manutenzione delle gallerie, saranno adottati...

Lago di Como: “l’overtourism fa male all’ambiente”

L'overtourism sul Lario fa male all'ambiente. O, sarebbe meglio dire, il territorio del lago...