Donato un defibrillatore al Bar Bivio di Cantù. Il gesto altruistico di due giovani farmacisti

0
1141

Sabato 9 febbraio il Bar Bivio di via Montello 31 a Cantù, diventerà un locale cardioprotetto, grazie al gesto di due giovani farmacisti che doneranno un defibrillatore semi automatico in grado di salvare una vita entro 4 minuti dall’attacco cardiaco improvviso.

Il Bar Bivio,di via Montello, 31 a Cantù, luogo pubblico di ritrovo, di svago e di accoglienza per molti canturini, sarà un locale cardioprotetto grazie alla sensibilità di di Pietro Spinelli e Giacomo Colombo, della Farmacia Marelli di via per Alzate, 13 a Cantù.

I due stimati professionisti,  con un gesto di grande generosità e di alto valore nei confronti del prossimo, hanno voluto donare il defibrillatore in occasione della ricorrenza della festa patronale di Sant’Apollonia.

Le motivazioni che hanno condotto al gesto sono molteplici:

– la conoscenza e la competenza dei due farmacisti che sanno che l’attacco cardiaco improvviso può verificarsi in qualsiasi momento, anche in situazioni di svago e di relax, dove i rischi di malessere sono maggiormente sottovalutati,

– l’attenzione alle persone e al quartiere nel quale lavorano quotidianamente,

– la consapevolezza che i bar sono molto frequentati dagli abitanti e dai lavoratori della zona in cui sono ubicati e sapere che il locale pubblico dispone di un defibrillatore è una sicurezza per tutto il vicinato.

Un gesto semplice che può salvare una vita

 

Alla consegna del 9 febbraio presenzierà il cardiologo, dott. Ercole Colombo.