Cose da fare almeno una volta nella vita? Visitare l’Orrido di Nesso

0
845
Foto Profilo Instagram Clickfor_Lombardia

Tutti noi abbiamo una lunga lista di cose da fare almeno una volta nella vita: luoghi da visitare, viaggi da organizzare e arei da prendere per raggiungere le nostre mete del cuore.

Spesso e volentieri però ci dimentichiamo delle meraviglie che sono intorno a noi e che vale altrettanto la pena di visitare.

Uno di questi luoghi incantevoli si trova sulla strada che da Como porta a Bellagio. Di cosa stiamo parlando? Del piccolo e suggestivo borgo di Nesso che al suo interno raccoglie l’Orrido di Nesso, una cascata naturale situata allo sbocco delle valli di Tuf e di Nosè.

Tra le 101 cose da fare in Italia il sito di viaggi Zingarate.com suggerisce di perdere la testa proprio per questo borgo, uno dei luoghi più suggestivi e magici del Lago di Como.

Un consiglio che aveva suggerito ai suoi lettori anche il Telegraph che ha più volte elogiato le bellezze del Lago di Como. “Un ulteriore consiglio è quello di fermarsi a Nesso sul lato orientale del lago, dove una ripida cascata si precipita attraverso una gola prima di precipitare nel lago”, scrive il celebre quotidiano del Regno Unito.

Il consiglio è quello di ammirare tutta la sua bellezza dall’antico Ponte della Civera, un ponte di origine romana che si raggiunge attraverso la riva del lago e percorrendo circa 340 scalini. Un ponte amato molto anche dal regista Alfred Hitchcock che lo scelse come set cinematografico del suo primo film Il Labirinto delle Passioni.

La bellezza dell’Orrido di Nesso conquistò anche il genio di Leonardo Da Vinci che lo cita nel suo Codice Atlantico: “Più su 2 miglia [rispetto alla Villa Pliniana] è Nesso, terra dove cade uno fiume con grande empito, per una grandissima fessura di monte. Queste gite son da fare nel mese di maggio”.

L’Orrido di Nesso deve il suo nome alla divinità celtica delle acque, Ness, un altro dettaglio che lo rende ancora più suggestivo e ricco di mistero.

Ph Instagram @diariotricolore_lombardia