Università dell’Insubria tra le top 500 del mondo, 14esima in Italia

0
859
Photo by Logan Isbell on Unsplash

L’Università dell’Insubria scala la classifica delle migliori università del mondo pubblicata oggi, 2 settembre, dalla prestigiosa rivista britannica Times Higher Education. Nel nuovo World University Rankings 2022 l’Insubria cambia fascia: entra nel gruppo 401-500, mentre nel 2021 e nel 2020 (anno di ingresso nel ranking) era in quello 501-600. Un confronto internazionale prestigioso che si è basato su 1662 istituzioni di 99 paesi, mentre lo scorso anno le istituzioni erano 1526 e i paesi 93.

Ottima anche la classifica nazionale, che vede al top Bologna: l’Insubria è quattordicesima su 51 atenei italiani, mentre nella scorsa edizione era 27esima su 49, ed è nella stessa fascia di Pisa e della Federico II di Napoli, per fare un esempio.

Sempre gli stessi i metodi di valutazione: teaching, research, numero di citazioni, internazionalizzazione e knowledge transfer. L’Insubria migliora ancora i suoi valori, con un risultato notevole soprattutto per l’impatto delle citazioni scientifiche, il cui punteggio sale da 74.9 a 90,7 portando l’ateneo in 128esima posizione nella graduatoria mondiale (lo scorso anno era 331esimo). Crescono anche il punteggio della ricerca, che passa da 19,7 a 21,6, e l’internazionalizzazione, da 40,8 a 41,1.

Commenta il rettore Angelo Tagliabue: «Questo risultato conferma l’ottimo lavoro che stiamo facendo. L’impatto delle citazioni scientifiche dell’Insubria e il punteggio della ricerca danno l’idea del contributo alto di conoscenza che il nostro ateneo sa portare alla comunità scientifica internazionale. Merito di scelte che mettono i valori dello studio al centro di ogni nostra attività».