Un’indagine dell’Insubria per definire il livello di percezione della «Felicità pubblica e privata». I risultati

Pubblicato il

L’UNIVERSITÀ DELL’INSUBRIA DÀ UN VOLTO ALLA FELICITÀ PUBBLICA E PRIVATA

Che cosa ci fa soffrire e che cosa ci appaga nel contesto della società e nella nostra sfera intima? Gli studenti di Scienze della comunicazione provano a rispondere con una ricerca su 1029 campioni

Como e Varese, 27 maggio 2019 – Un’indagine sociologica per definire il livello di percezione della «Felicità pubblica e privata»: l’hanno svolta, coordinati da Franz Foti, gli studenti di Comunicazione pubblica e istituzionale del secondo anno del corso di laurea in Scienze della comunicazione dell’Università dell’Insubria, nell’ambito del Disuit, il Dipartimento di Scienze umane e dell’innovazione per il territorio.

i 5 relatori dell’indagine sociologica

La ricerca, condotta nell’arco di un trimestre, è stata suddivisa in tre fasi: raccolta dati, elaborazione, riflessione. È stato formulato un questionario in versione cartacea e digitale. I sette quesiti proposti comprendono tematiche legate sia alla sfera intima-personale, sia alla sfera politico-istituzionale. L’obiettivo principale del sondaggio è quello di evidenziare le dinamiche socio-politiche e affettive che il sistema della comunicazione dovrà considerare.

Dall’analisi generale dei 1029 campioni analizzati, il 60% è composto da donne e il restante 40% da uomini. È emerso che l’area geografica maggiormente coinvolta è stata la Lombardia (con prevalenza delle province di Varese, Milano, Monza Brianza e Como). Altri questionari, in misura più ridotta, sono pervenuti dal Centro, dal Sud, e da Stati esteri (Norvegia, Svizzera, Stati Uniti, Perù).

La fascia di età più rappresentata è compresa tra i 18-35 anni (60%), seguita da quella media tra i 36-60 anni (34%) e da quella senior con oltre 60 anni (6%). Dal punto di vista professionale la componente più presente è stata quella dei lavoratori dipendenti (54%), seguita da quella degli studenti (36%).

Fra le sette tabelle analizzate è risultato che i punti di maggior sofferenza sociale risiedono nell’estesa ignoranza (46%) e nello sfruttamento del lavoro (44%). I danni esistenziali invece si collegano all’ipocrisia e al falso buonismo (45%), oltre che all’egoismo e alla sete di potere (43%). Appaganti per la felicità e il benessere sono l’amore (66%) e la famiglia (64%). Su questo fronte risultano altrettanto importanti il rispetto della natura e la qualità dell’istruzione, ambedue con il 51%.

Il questionario, sotto il profilo delle prospettive auspicate, sottolinea la valorizzazione dell’istruzione, della solidarietà, del merito e della promozione dell’arte e della cultura. Inoltre, per il campione analizzato, i cittadini si lasciano influenzare facilmente dai mezzi di comunicazione(70%) e si abbandonano alla fascinazione della demagogia, rimarcando la facilità con cui cambiano opinione (55%).

Di grande interesse appaiono le capacità indicate per governare il futuro: competenza (63%) e ideali (38%) quali fratellanza, libertà, lealtà, umiltà, solidarietà e tolleranza. Sono stati evidenziati anche i punti critici dell’informazione, dominata dalla manipolazione della verità (58%), dall’informazione banale e superficiale (52%) e dalla spettacolarizzazione di ogni cosa (33%).

Giulio Facchetti, presidente del corso di laurea in Scienze della comunicazione, commenta: «Da questo campione, composto prevalentemente da diplomati e laureati (82%), si configura unadimensione esistenziale legata alle tradizioni e orientata verso il superamento di condizioni di sofferenza sociale. È in questo quadro che vengono valorizzati la dignità della persona e i principi indispensabili per un futuro sostenibile, rispettoso dell’ambiente e all’insegna dell’arte, della cultura e della competenza».

Spiega Franz Foti, docente del corso di Comunicazione pubblica e istituzionale e coordinatore della ricerca: «Le premesse su cui si fonda questo progetto sono i profondi cambiamenti avvenuti nella società degli ultimi anni. Due indagini simili erano già state condotte da questo stesso corso di laurea nel 2014 e 2016. Il nostro lavoro prende spunto da quelle precedenti e focalizza l’attenzione sul maggior interesse verso i temi generali di carattere etico come la difesa dell’ambiente, i diritti civili e la lotta alla manipolazione dell’informazione».

Potrebbe interessarti

Sul Lago di Como riapre il Musa, l’hotel di lusso che tratta bene i suoi dipendenti

Dopo una breve pausa invernale il MUSA la struttura affacciata sulle rive del Lago...

Rubano 1.500 euro di roba al Gigante ma sono incastrati dalle telecamere

La Compagnia Carabinieri di Cantù, nel corso degli ultimi giorni ha proseguito con una...

Carnevale di Cantù, salta anche la sfilata del 25 febbraio: come avere il rimborso

Un altro scherzo del maltempo e purtroppo la finale del Carnevale di Cantù prevista...