The Struts, la band inglese che ha rilanciato prepotentemente il glam rock si esibisce al Fabrique

0
1379

29 ottobre Milano, Fabrique

via Fantoli  9, inizio alle 20.30

tornano in Italia per una data attesissima i The Struts

ultimi biglietti disponibili su ticketone.it e in cassa

la locandina del concerto

Il tour dei The Struts comincerà l’11 ottobre da Manchester, per poi fare tappa all’O2 Forum di Londra e poi trasferirsi in altre sette città. L’annuncio segue l’enorme successo del tour tutto sold-out in Gran Bretagna dello scorso febbraio, osannato dalla critica (The Guardian li ha recensiti con voto 5/5, così come gli apprezzamenti non sono mancati da testate quali Classic Rock, Kerrang e Record Collector).

All’inizio del mese la band ha pubblicato il lyric video del brano “In Love With A Camera”, l’ultimo brano estratto dal loro secondo disco YOUNG & DANGEROUS, acclamato da pubblico e critica. The Washingtom Times li ha proclamati “la miglior band rock ‘n’ roll del 21esimo secolo!”.

In pochi anni The Struts sono riusciti ad ottenere consensi da alcune fra le più leggendarie superstar del rock ‘n’ roll. Dopo aver fatto da ‘supporter’ per The Rolling Stones, The Who e Guns N’ Roses, Dave Grohl li ha pubblicamente elogiati come ‘la migliore band’ che i Foo Fighters abbiano mai avuto come ‘opening act’!

The Struts sono un gruppo rock inglese fondato nel 2009 su iniziativa del cantante Luke Spiller e del chitarrista Adam Slack. Unitisi Jed Elliott al basso e Gethin Davies alla batteria tre anni dopo, il quartetto si ritaglia presto un’eccezionale reputazione sul palcoscenico, arrivando ad aprire il concerto dei Rolling Stones allo Stade de France il 13 giugno 2014.

Il loro stile unisce glam rockindie rock e alternative rock. Nell’album Everybody Wants si possono notare influenze di gruppi quali Rolling StonesQueenAerosmithOasisKinksSladeSupergrassThe KillersVaccines e Temples. fonte -wiki

Dopo aver rilasciato l’ album di debutto nel 2016 intitolato Everybody Wants, il gruppo ha pubblicato Young&Dangerous, che li ha consolidati come una delle migliori rock band contemporanee. Con la realizzazione di questo progetto, The Struts concretizzano un’altra delle loro ambizioni più alte come band: “una delle cose che desideriamo fare con la nostra musica è ispirare le nuove generazioni ad imbracciare nuovamente una chitarra” – racconta Spiller -“viviamo in un’epoca in cui l’hip-hop e la musica dance predominano ed è una bella cosa, ma desideriamo ricordare a tutti che esiste anche altro. Questo album è il nostro modo di dire che se ti senti spesso fuori posto, puoi sempre tirar fuori una chitarra elettrica e trovare il modo di usarla”.