Tentata rapina all’Esseunga di Como: volevano uscire col carrello pieno senza pagare

Pubblicato il

Nel pomeriggio del 2 dicembre le volanti della Polizia di Stato sono state inviate presso il supermercato Esselunga di Camerlata in quanto l’addetto alla sicurezza aveva fermato un uomo resosi responsabile del furto di svariata merce.

Gli agenti, giunti sul posto, hanno preso contatti con il responsabile dell’ipermercato il quale ha raccontato loro di aver notato entrare, poco prima, due uomini che aveva riconosciuto, dall’analisi dei filmati della videosorveglianza, cme responsabili di un ingente furto di alcolici, per più di 1600 euro, consumato la settimana precedente.

Due carrelli diversi

Visti entrare assieme con due carrelli diversi, i due erano stati pertanto sorvegliati a vista dal personale incaricato. Hanno potuto notare che uno solo dei due carrelli era stato riempito di varia merce, l’altro era vuoto. I due, senza passare dalle casse, erano poi usciti assieme dal varco di accesso, dove uno si era posizionato a copertura del sensore antitaccheggio.

Una volta bloccati dalla sicurezza, uno dei due uomini aveva abbandonato il carrello della spesa fuggendo all’esterno del supermercato, mentre il complice era stato fermato e trattenuto fino all’arrivo della polizia.

L’arrivo della Polizia di Stato

I poliziotti, ricostruita l’intera vicenda, hanno accertato che nel carrello era riposta merce per un valore di circa 1500 euro. Tutto è stato immediatamente restituit al supermercato. Il fermato, un 61enne rumeno residente a Milano, con svariati precedenti penali e alias, è stato invece accompagnato in Questura.

Qui i poliziotti hanno informato il P.M. di turno elencando gli elementi di reato a carico del 61enne. Sia per il furto della settimana precedente sia per quello di sabato, entrambi documentati dalle immagini della videosorveglianza e dalla denuncia del responsabile di Esselunga. Il magistrato ha disposto di trattenere il fermato nelle camere di sicurezza della Questura in attesa del processo per direttissima, fissato per questa mattina alle ore 11.00.

Nel frattempo, però, l’arrestato ha dichiarato di essere affetto da diabete e di sentirsi poco bene. Dovendo assumere la dose di insulina quotidiana, ed ha quindi chiesto di essere trasportato all’ospedale.

Gli agenti hanno fatto intervenire un mezzo del 118 per il trasporto all’ospedale S. Anna di San Fermo della Battaglia. Dopo le cure lo straniero è stato accompagnato ne carcere di Como, in attesa del processo odierno.

Sono in corso indagini sull’identificazione del complice, partendo dalle immagini registrate e dall’automezzo sul quale i due sono giunti a Como.

Potrebbe interessarti

Dm Ascensori: priorità al cliente e cura artigianale

Dm Ascensori è una realtà nata dall’esperienza professionale ultraventennale di Davide Masini nel settore...

Lake Como Wine Festival, a giugno in piazza Verdi

Un’occasione davvero imperdibile per conoscere, assaggiare ed acquistare i vini ed prodotti tipici di...

La grande azienda per lo sport che assume 50 persone (anche a Como)

Ottima occasione di lavoro anche per chi vive a Como e provincia. Cisalfa Group, azienda...