Solo una squadra dalla Serie A alla D: Como tra le province peggiori d’Italia

0
1203

Delle 107 province italiane, solo 10 non sono rappresentate tra la Serie A e la D. Como, ormai da anni, ne ha solo una

Il Como 1907 sta diventando sempre di più un’eccellenza in ambito calcistico. Tristemente, però, è l’unica del nostro territorio: il club biancoblu è infatti l’unico rappresentante della provincia tra la Serie A e la Serie D. Dopo il Como il nulla, in sostanza.

Un dato che può indurre qualche riflessione, visto che a fare peggio sono solo dieci province: Siracusa, Matera, Pavia, L’Aquila, Verbania, Gorizia, Oristano, Ragusa, Sondrio e Biella sono del tutto assenti dalla mappa del calcio, perlomeno dalla D in su. E tra le province più popolose della nostra, a parte Treviso e Palermo tutte sono rappresentate da almeno due squadre.

Guardando alle realtà più vicine a noi, a Lecco oltre al club del capoluogo ci sono anche Casatese e Olginatese. Nel varesotto ci sono Pro Patria, Varese, Caronnese e Castellanzese. Per non parlare di Monza, che già solo in C ha Seregno e Renate. E’ vero, a Como abbiamo la squadra del capoluogo in B, però abbiamo solo quella.

Colpisce per esempio il confronto con Ascoli: hanno una squadra in B e altre due in D (tra cui la Sambenedettese, retrocessa solo quest’anno per motivi extra-campo), nonostante la loro provincia abbia circa 1/3 degli abitanti rispetto alla nostra.

Come mai Como è l’unica provincia sopra i 600mila abitanti (escludendo Treviso e Palermo, come detto) a trovarsi in una situazione simile? Anche scendendo di categoria si trovano solo due “comasche”, la Pontelambrese e il Mariano, che annaspano in Eccellenza tra mille difficoltà e a cui auguriamo il meglio. Le cause di questa “lacuna provinciale” sarebbero da approfondire con chi conosce bene il calcio dilettantistico. Di sicuro è un peccato che non si riesca ormai da anni a portare in provincia un buon livello di calcio (l’ultima Serie D del Cantù è datata 2012, una vita fa). Eppure ci sono cittadine importanti come la stessa Cantù, Mariano, Erba, Olgiate. Anche a livello sociale e giovanile sarebbe importante avere più società di alto livello.