Racconti Mostruosi. Halloween in teatro apre le porte ai bambini. Chi avrà il coraggio di entrare?

0
1001

Sociale Famiglie: Teatro Sociale e A voce alta
insieme per halloween con Racconti mostruosi

Ingresso gratuito

 

Foyer Teatro Sociale di Como
giovedì, 31 ottobre – ore 17.00
RACCONTI MOSTRUOSI
a cura di Progetto a Voce alta
Ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili

Halloween a Teatro è ancora più pauroso..

Il Teatro Sociale di Como apre le porte a bambini e famiglie giovedì 31 ottobre alle ore 17.00… chi avrà il coraggio di entrare??

La Notte delle streghe si avvicina. Mostri e principesse, maghi e maghe, sono invitati ad accomodarsi su cuscini per ascoltare letture mostruose, racconti di streghe, zucche, spiriti e fantasmi.  L’evento sarà gratuito, fino ad esaurimento posti.

Questa volta non ci sarà uno spettacolo ad attendere il nostro piccolo pubblico: i volontari di A Voce Alta Como leggeranno libri e racconti adatti a tutte le età.

In questo periodo storico si avverte il bisogno di riscoprire il valore del tempo, della relazione personale, del soffermarsi ad osservare per poi rielaborare, dello stare insieme per fare e dire in comune; la lettura permette di rafforzare questi aspetti e l’ascolto.

A volte Alta è un progetto, pensato in particolare per il benessere di bambini e anziani, promosso dall’associazione Famiglie in cammino delle Acli di Como, con le associazioni Asylum, Auser Como, La scuola fa centro, finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali della Regione Lombardia. L’obiettivo è promuovere, attraverso la lettura a voce alta, momenti di relazione per favorire l’incontro tra: genitori e bambini, sperimentando forme di lettura e narrazione che favoriscano la presa di coscienza e la crescita di una genitorialità consapevole; tra adulti pensionati, sperimentando forme di letture collettive e gruppi di lettura, per creare coesione e contrastare l’invecchiamento e la solitudine; tra adulti che, formati con specifici incontri e corsi, possano formare un gruppo di lettori volontari al fine di promuovere l’importanza della narrazione e della lettura a voce alta.

Spiega Giovanna Montanelli, presidente dell’associazione Famiglie in cammino – Acli Como e coordinatrice del progetto: “Si è scelto di lavorare con queste tipologie di destinatari che, pur con bisogni diversi, possono incontrarsi su percorsi comuni e beneficiare dell’interazione reciproca. Per la realizzazione del progetto abbiamo coinvolto professionisti che già operano nel territorio con competenze socio culturali e sanitarie diverse, affinché collaborino al raggiungimento degli obiettivi. Sono insegnanti, librai, bibliotecari, compagnie teatrali, logopedisti e pediatri: figure professionali deputate al benessere di bambini e anziani. Con loro abbiamo provveduto a realizzare una breve analisi dei bisogni e a definire le linee di questa progettazione”.