Il personaggio: dall’acqua alla neve, ma l’importante è dare spettacolo….

0
1731

Un vero personaggio. Diventato anche molto social grazie al record mondiale stabilito nel luglio scorso con la sua moto appositamente modificata: da una sponda all’altra del lago di Como in poco più di 5 minuti. Interesse, curiosità e tanta popolarità. Ora Luca Colombo, pilota milanese trapiantato a Gravedona sul Lario e che vuole sempre fare spettacolo, ne ha pensata un’altra: provare a risalire su una pista di discesa con una moto con le gomme chiodate. Facile a dire, difficile a realizzare. Luca ci ha già provato sabato scorso a Pila in Valle d’Aosta, ma senza riuscire nel tentativo perchè la neve che cadeva ha reso la pista quasi impossibile.

“Ma ci voglio riprovare – spiega lui con tanta simpatia – perchè mi piace fare divertire la gente. Chiaro che anche qui, come per il lago, ci devono essere le condizioni per poter andare in sicurezza. La moto è elettrica, le gomme sistemate ad hoc per questa “scalata”. Se ci sarà l’occasione ci ritento”. Intanto Colombo guarda anche ad un’altra sfida che lo affascina: la possibilità di tentare il record di velocità – sempre in moto con appositi pattini sotto le ruote – in un bacino come l’Idroscalo di Milano. Appuntamento che vorrebbe provare – con tutto il suo staff – tra maggio e giugno di quest’anno.

Nel luglio scorso (foto sopra) era riuscito a stabilire il record – mai nessuno come lui – di andare da Gravedona a Colico con una 450 modificata sotto le ruote con appositi pattini. “Bello, ma anche rischioso – ricorda Luca – perchè occorre avere le condizioni di lago favorevoli. Ho superato gli 80 chilometri orari, mica poco eh……”. In cinque minuti era di là, quasi un gioco da ragazzi. Ma per la preparazione ha impiegato diversi mesi.