Parolario e Fiera del Libro, tutti gli eventi fino a domenica 19 settembre

0
728
Villa Olmo, Ph Andrea Butti

Proseguono le iniziative di Parolario e Fiera del libro con incontri con gli autori e un’ampia selezione di libri da scoprire.

Numeri che parlano di una forte ripresa anche nel settore degli eventi, anzi nell’evento più amato dalla città. Circa 500 visitatori al giorno nei feriali e un migliaio nel weekend; agli incontri e alle presentazioni proposti fino a ieri avevano partecipato in totale quasi 4.000 persone tra Como e Cernobbio, con diversi appuntamenti che hanno fatto il tutto esaurito per via della capienza contingentata della sala (massimo 65 posti).

Si ricorda che il Festival letterario quest’anno sostiene anche il progetto “La natura al Liceo Volta: illuminiamo un tesoro nascosto” del Liceo Volta, con una raccolta fondi finalizzata a riportare alla luce le collezioni naturalistiche al momento inaccessibili che sono conservate al Liceo.
Il link per donare è: https://dona.fondazione-comasca.it/campaigns/museovolta/

Gli appuntamenti di venerdì 17 settembre

ore 10.30 – Liceo Alessandro Volta
Insegnare e raccontare: ricordo di Federico Roncoroni
“Insegnare e raccontare: ricordo di Federico Roncoroni” è il secondo appuntamento presso il Liceo Volta, nell’aula Magna del Liceo si ricorderà la figura di Roncoroni, insegnante e punto di riferimento per molti studenti. La scomparsa, nel gennaio scorso, di Federico Roncoroni ha aperto un grande vuoto nel mondo della cultura e dell’editoria. Linguista, scrittore, editor, avidissimo lettore e amante dei libri (ha lasciato una biblioteca di circa trentamila volumi), il professor Roncoroni ha “contagiato” con il suo sapere generazioni di allievi. Quelli del Liceo classico Volta di Como, dove ha insegnato, ma anche i tanti che si sono rivolti a lui per sottoporgli un manoscritto e ricevere suggerimenti e critiche. Tutti hanno imparato qualcosa da lui: soprattutto l’amore per le lettere, la cura per il linguaggio e la curiosità per le parole, questi meravigliosi strumenti che ci consentono di esprimerci. Ai lettori de La Provincia, con cui ha collaborato per tanti anni, ha dato anche di più: racconti composti con intelligenza e ironia, frutto del suo enorme bagaglio culturale ma sempre svolti con uno stile limpido e comprensibile a tutti. Grati per questo suo contributo, i giornalisti de La Provincia – il direttore Diego Minonzio, il responsabile dei servizi culturali Mario Schiani e il critico letterario Gian Paolo Serino – vogliono ricordarlo in un incontro che, aperto al pubblico, si svolgerà davanti ad alcune classi della “sua” scuola, il Liceo Volta di Como.
Con Diego Minonzio, Mario Schiani, Gian Paolo Serino.
In collaborazione con La Provincia Quotidiano.
Prenotazione obbligatoria: https://www.eventbrite.it/e/168863626653

ore 18.00 – Villa Bernasconi
Laura Pirovano “Giardini di foglie
In “Giardini di foglie” (Libreria della Natura Edizioni, 2021) di Laura Pirovano il focus sono le foglie, le loro tessiture, forme colori, la loro funzione architettonica nel giardino. Dopo il saggio di Claudio Longo che ne spiega molto bene la fisiologia e le strategie di sopravvivenza, seguono una rassegna delle foglie più interessanti suddivise per forme e colori e alcuni suggerimenti di accostamenti che possiamo utilizzare nei nostri spazi verdi. Poi la parola passa agli esperti con i consigli di alcuni vivaisti, le proposte progettuali e le suggestioni di alcuni paesaggisti e, infine informazioni e piccole ricette di uno chef a proposito dell’uso gastronomico delle foglie.
Laura Pirovano dialoga con Anna Zottola.
Prenotazione obbligatoria: https://www.villabernasconi.eu/eventi/parolario-incontro-con-lautrice-laura-pirovano/

ore 18.30 – Villa Olmo
Germano Maifreda “Italya. Storie di ebrei, storia italiana
“Italya. Storie di ebrei, storia italiana” (Laterza, 2021) di Germano Maifreda, ripercorrendo, anche tramite documenti inediti, tante vicende piccole e grandi nell’arco di diversi secoli, dimostra che il passato italiano nei diversi ambiti (politico, economico, sociale, culturale, religioso) può essere visto con occhi nuovi se si tiene conto dell’azione costruttiva di donne e uomini ebrei; nonché delle influenze reciproche e delle tante forme di interazione avvenute tra loro e tutti gli altri abitanti della penisola. La maggior parte degli italiani non è abituata a pensare alla lunga storia del proprio Paese (tra Medioevo e Rinascimento, Controriforma e Risorgimento) anche come storia degli ebrei che pure, fin dall’epoca romana, lo abitarono ininterrottamente. Né, al contrario, la vitalissima storia ebraica nella nostra penisola è di solito concepita come parte integrante della storia italiana: la si pensa piuttosto come la parabola speciale di una minoranza emarginata, isolata, perseguitata; passiva di fronte agli eventi della “Grande storia” o colpita in negativo da essi in ondate ininterrotte di antisemitismo. L’autore rovescia questo paradigma, sostenendo che conoscere la storia degli ebrei è indispensabile per capire la storia d’Italia nel suo complesso.
Germano Maifreda dialoga con Franco Minonzio.
Prenotazione obbligatoria: https://www.eventbrite.it/e/168863811205

ore 21.00 – Villa Olmo
Luciano Canova “Favolosa economia
Luciano Canova con “Favolosa economia” (Harper Collins, 2021) vuole estirpare l’idea di economia come una scienza triste e punitiva, dimostrando che in realtà è una materia esaltante. Per farlo ha deciso di addentrarsi nel magico mondo dell’economia attraverso un immaginario insolito ma comune a tutti noi: quello delle favole e dei miti, di ieri e di oggi! Spiegare le politiche monetarie della Banca Centrale attraverso Alice nel Paese delle Meraviglie? Le scelte di investimento della matrigna di Cenerentola? I bias cognitivi di Cappuccetto Rosso, il debito pubblico con l’astronave “Morte Nera” di Guerre Stellari e le spese dell’Impero per mantenerla? E, ovviamente, i cosiddetti paesi PIIGS attraverso i tre porcellini? Si può! Anzi, si deve! Con ironia, intelligenza e competenza, Luciano Canova fa capire a tutti cos’è lo spread, e, tra teoria e pratica, dà tanti consigli utili a chi legge il libro.
Luciano Canova dialoga con Enrico Marletta.
Prenotazione obbligatoria: https://www.eventbrite.it/e/168863935577

ore 22.30 – Villa Olmo
Cinema: “Il conformista” di Bernardo Bertolucci (1970, col., 112′)
“Il conformista” è un film diretto da Bernardo Bertolucci e tratto dall’omonimo romanzo di Alberto Moravia.
Marcello Clerici, spia della polizia politica fascista, si reca a Parigi in viaggio di nozze. La luna di miele è una copertura: all’insaputa della moglie Giulia, l’uomo deve eliminare un suo ex professore, ora dissidente politico. Il film ha ottenuto una candidatura ai Premi Oscar e una ai Golden Globes, ha vinto un premio ai David di Donatello. Bernardo Bertolucci è stato un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.
Tra i registi italiani più rappresentativi e conosciuti a livello internazionale, ha diretto film di successo come “Ultimo tango a Parigi” (1972), “Novecento” (1976), “The Dreamers – I sognatori” (2003) e “L’ultimo imperatore” (1987), che gli valse l’Oscar al miglior regista e alla migliore sceneggiatura non originale. È l’unico italiano ad aver vinto un Oscar per la regia. Nel 2007 gli fu conferito il Leone d’oro alla carriera alla 64esima Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e nel 2011 la Palma d’oro onoraria al 64esimo festival di Cannes.
In collaborazione con TVM Cinema&Multimedia e Fondazione Cineteca italiana
Prenotazione obbligatoria: https://www.eventbrite.it/e/168864252525

Gli appuntamenti di sabato 18

ore 10.00-13.00 – Liceo Alessandro Volta
La natura al Liceo Volta: illuminiamo un tesoro nascosto
Il 18 settembre dalle 8.00 alle 12.00 verrà presentata l’esposizione “La natura al Liceo Volta: illuminiamo un tesoro nascosto” con i promotori del progetto, che nasce dalla passione di un gruppo di professori e di ex alunni del Liceo Classico e Scientifico Alessandro Volta di Como per riportare alla luce le Collezioni naturalistiche conservate all’interno del Liceo, per ora non accessibili. Un patrimonio unico, che attende solo di essere svelato, per tornare a offrire bellezza e conoscenza. Il progetto si propone di restaurare, catalogare e digitalizzare i circa diecimila pezzi custoditi nel Liceo: si tratta di animali, fossili, conchiglie, minerali ed erbari, donati o acquistati fin dagli ultimi anni del 1700. Insieme alla Collezione di Fisica, già restaurata, questi materiali potrebbero dare vita a un bellissimo Museo. Per restituire questo patrimonio al pubblico e renderlo disponibile ad appassionati e studiosi della comunità scientifica sono però necessari molti e impegnativi passaggi: catalogare, disseminare, organizzare, divulgare, ricercare. Per questo abbiamo è stata avviata una campagna di crowdfunding che chiuderà a fine 2021.
Saranno presenti i promotori del progetto.
In collaborazione con Liceo Alessandro Volta.
Il link per donare è: www.bit.ly/FondaUnMuseo

ore 11.00 – Villa Bernasconi
Melitta Botteghelli “Viaggio senti-mentale
Estate 1986: comincia da Milano il viaggio dell’artista Bruno Chersicla, prima tappa a Lampedusa e poi via verso il nord Europa. Appunti di viaggio, cartoline, disegni, schizzi: Melitta Botteghelli, compagna dell’artista, in “Viaggio senti-mentale” (Bellavite Editore, 2020) è partita dalle carte di Chersicla per riscrivere un viaggio tra l’immaginario e il vissuto. Pensato col cuore e con la testa, “senti-mentale” appunto. “Ho chiuso la porta alle mie spalle e ho dato un giro di chiave. Un bisogno impellente di scrivere mi si è imposto per sconfiggere il tempo che cancella i ricordi, i sentimenti, le delusioni, le emozioni e anche la noia di certe serate. Userò il passato prossimo che ha appena girato l’angolo del presente. Riguarderò gli appunti di viaggio, gli schizzi e alcuni disegni. Ascolterò le voci dal registratore tascabile che non mente. Scriverò sulla Olivetti 22 che sta attendendo.”
Melitta Botteghelli dialoga con Piergiorgio Mandelli.
Prenotazione obbligatoria: https://www.villabernasconi.eu/eventi/parolario-incontro-con-lautrice-melitta-botteghelli/

ore 11.30 – Villa Olmo
Paola Bianchi e Andrea Merlotti “Andare per l’Italia di Napoleone
“Andare per l’Italia di Napoleone” (Il Mulino, 2021) di Paola Bianchi e Andrea Merlotti ripercorre le tappe dell’Italia napoleonica lasciando in sottofondo i campi di battaglia e restituendo, piuttosto, la fitta rete dei luoghi della memoria: monumenti, edifici, ma anche tracce di civiltà materiale. Accanto all’Italia di Napoleone vi fu, però, anche un’Italia dei Bonaparte (i Napoleonidi, come furono chiamati), che popolarono l’Italia della Restaurazione assai più della Francia. Molte città furono luogo d’azione dei fratelli di Napoleone e dei loro figli, così come delle sorelle Elisa, Carolina e Paolina. Non solo Roma e Firenze, ma anche Trieste, Bologna, Macerata, Viareggio, Senigallia e altre città ancora videro nascere e morire ville e palazzi dei Bonaparte. Una presenza giunta sino agli anni Venti del Novecento e che rese l’Italia – dopo la Francia – il paese più napoleonico d’Europa.
Paola Bianchi e Andrea Merlotti dialogano con Elena Ornaghi.
Prenotazione obbligatoria: https://www.eventbrite.it/e/168865700857

ore 12.00 – Villa Bernasconi
Sara Missaglia e Paolo Stecca “Valtellina. In alto i calici
Sara Missaglia e Paolo Stecca presentano l’originalità e novità di una “non Guida”: “Valtellina. In alto i calici” (Bellavite Editore, 2021). Nessuna presunzione di stilare classifiche, ma uno strumento di consultazione agile e versatile per conoscere la Valtellina e i suoi vini, in un percorso tra produttori, vigneti, storia, cultura ed enogastronomia. I vignaioli presentati nel libro (aderenti al Consorzio Tutela Vini di Valtellina) sono descritti in modo autentico e diretto, nel loro legame forte e imprescindibile con la Madre Terra: un vignaiolo complice e mai sfruttatore della vigna, con la quale condivide linfa e radici (simboliche e non). Una “non Guida” del buon senso e del buon vino: da leggere ovunque e da bere in loco. La pubblicazione, tramite QR code presenti al suo interno, è collegata ad un canale YouTube dove sarà possibile conoscere i vignaioli ed entrare in contatto con il mondo del vino di Valtellina.
Prenotazione obbligatoria: https://www.villabernasconi.eu/eventi/parolario-incontro-con-gli-autori-missaglia-e-stecca/

ore 18.00 – Villa Bernasconi
Chiara Milani “Vi racconto i vostri libri
Libri antichi raccontati come i protagonisti di avventure spericolate: dalle vicissitudini della loro “venuta in luce” ai primi passi nel mondo osteggiati dalle censure: requisiti, acquistati, venduti, regalati, scambiati, nascosti, ricercati spasmodicamente. Inaspettate biografie di libri centenari ma evergreen, inseguiti nei passaggi dalle collezioni private alle biblioteche pubbliche, nell’intreccio con inediti documenti d’archivio che rivelano vite misteriose, vicende inaspettate di intellettuali dissidenti e di donne straordinarie. A partire dai libri scovati nella Biblioteca di Como, Chiara Milani con piglio di narratrice e competenza di bibliofila, colloca libri dimenticati nella grande storia delle idee che appartiene a tutti noi, invitando ad avere cura di questi testimoni speciali, unici, e dei luoghi che li custodiscono.
Chiara Milani dialoga con Carla Colmegna.
Prenotazione obbligatoria: https://www.villabernasconi.eu/eventi/parolario-incontro-con-lautrice-chiara-milani/

ore 18.30 – Villa Olmo
Fabrizio Gatti “L’infinito errore. La storia segreta di una pandemia che si doveva evitare
Fabrizio Gatti, con i documenti inediti pubblicati nel suo libro-inchiesta “L’infinito errore” (La Nave di Teseo, 2021), racconta la storia segreta della pandemia, le ipotesi sull’origine del coronavirus Sars-CoV-2, il coinvolgimento di Stati Uniti e Francia negli esperimenti a Wuhan, i depistaggi del regime di Pechino, il ruolo dell’esercito cinese e gli errori che hanno fatto dell’Italia il trampolino di lancio dell’epidemia nel mondo.
Grazie a testimonianze e informazioni inedite, questa inchiesta ripercorre l’intero viaggio compiuto dal coronavirus: dalle grotte infestate di pipistrelli ai laboratori cinesi dove i nuovi agenti patogeni sono stati studiati in collaborazione con i centri di ricerca americani, australiani e francesi, fino alle nostre città, ai nostri ospedali, alle nostre vite e alle nostre vittime. Un libro che evidenzia in modo inconfutabile gli errori e le responsabilità che hanno portato alla nuova Chernobyl mondiale: con una ricostruzione minuziosa, l’autore svela esperimenti militari segreti, gli insufficienti standard di sicurezza di molti laboratori di regime, le bugie dell’Oms sui legami di questo virus con le precedenti epidemie di Sars. Fino a rivelare gli scandali di casa nostra che hanno contribuito a fare dell’Italia il trampolino dell’infezione in Europa, tra ritardi e cancellazioni di forniture di mascherine e ventilatori polmonari, errori nei lockdown e le troppe scelte sciagurate che hanno disarmato l’impegno coraggioso dei tanti operatori sanitari al fronte.
La presentazione del libro sarà preceduta da una lettura scenica da parte dell’autore.
Fabrizio Gatti dialoga con Enrico Marletta.
Prenotazione obbligatoria: https://www.eventbrite.it/e/168865744989

ore 20.30 – Villa Bernasconi
Eletta Revelli, Katia Trinca Colonel e Davide La Rosa “Illustrare i libri classici, un progetto per il Bassone
Eletta Revelli, Katia Trinca Colonel e Davide La Rosa illustreranno il progetto della mostra “I classici a fumetti. Pensieri a colori dal carcere” allestita a Parolario, edizione 2021, dall’associazione Bottega Volante. Le parole sono quelle dei grandi autori della letteratura e della filosofia (Voltaire, Platone, Yourcenar, Melville, Woolf), del racconto autobiografico (Primo Levi, Tiziano Terzani, Kapuscinski), del pensiero contemporaneo (Chimamanda Ngozi Adichie, Elvio Fassone, Andrej Longo, Bjorn Larsson, Concita De Gregorio) e di molti altri. Parole tratte da libri che, una volta al mese, nel 2018 e 2019, hanno superato le sbarre per arrivare nelle mani di un gruppo di detenuti del carcere del Bassone di Como. Le pagine di quei romanzi hanno fatto nascere emozioni e pensieri trascritti sulla carta da alcuni di quei detenuti e poi approdati alla libreria Feltrinelli, condivisi con i lettori di “fuori”. E ancora, hanno proseguito un nuovo viaggio fin nelle mani di un gruppo di disegnatori che collaborano con l’associazione Slowcomix. Ventisei, per la precisione, i quali, lasciandosi guidare dalle parole dei detenuti, hanno immaginato e donato la loro copertina per quel classico. Così sono scaturiti i disegni che compongono l’esposizione “I classici a fumetti. Pensieri a colori dal carcere”. Da un lato, vanno a tracciare un cammino espressivo, con gli stili più diversi, dentro l’essenza di quegli scrittori immortali, dall’altro con i loro colori e segni accompagnano i pensieri semplici, e allo stesso tempo profondi, di chi ha sbagliato, ha perso la libertà e sta cercando di ritrovarla.
In collaborazione con Associazione Bottega Volante.
Prenotazione obbligatoria: https://www.villabernasconi.eu/eventi/parolario-incontro-revelli-trinca-colonel-la-rosa/

ore 21.00 – Villa Olmo
Marco Agosta e Emanuele Menietti “The Passenger Spazio
Marco Agosta ed Emanuele Menietti sono gli ospiti della serata di presentazione di “The Passenger Spazio” (Iperborea, 2021). Sessant’anni fa, il 12 aprile 1961, Jurij Gagarin volò in orbita dando inizio all’era spaziale. Ma dopo i primi successi sovietici e quelli delle missioni Apollo, la corsa allo spazio si fermò. Tra il 1969 e il 1972 dodici uomini (nessuna donna) camminarono sulla Luna. Poi, più nessuno. Dall’inizio di questo secolo l’esplorazione e lo sfruttamento dello spazio hanno subito un’accelerazione paragonabile a quella degli anni Sessanta, ma con modi e motivi del tutto diversi: adesso sono le aziende private a suonare la carica. È per raccontare questa nuova corsa allo spazio, in cui ambizioni diverse – scientifiche, tecnologiche, economiche, politiche, millenaristiche – fanno da combustibile per i razzi, che The Passenger viaggia più lontano che mai.
Oltre alle consuete infografiche di Pietro Buffa e illustrazioni di Edoardo Massa, tra un articolo e l’altro, il giornalista scientifico del Post Emanuele Menietti ci aiuta a scegliere un pianeta su cui andare a vivere, ci racconta chi sono i nuovi baroni dello spazio e ci spiega le difficoltà di viaggiare nello spazio. E per prepararci al mondo che verrà abbiamo anche una pagina di offerte di lavoro dal futuro!
Introduce e dialoga Marco Migliorini.
In collaborazione con Fondazione Alessandro Volta.
Prenotazione obbligatoria: https://www.eventbrite.it/e/168865801157

ore 22.30 – Villa Olmo
Cinema: “Il pianeta proibito” di Fred M. Wilcox (1956, col., 98′)
“Il pianeta proibito” è un film di fantascienza del 1956, diretto da Fred M. Wilcox e prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer. Dal film fu tratto un adattamento letterario scritto da Philip MacDonald (con lo pseudonimo di W.J. Stuart) e pubblicato nello stesso anno.
Un’astronave viaggia nello spazio verso il pianeta chiamato Altair IV per scoprire cosa sia successo a un gruppo di scienziati spariti durante una spedizione avvenuta anni prima. Quando il comandante Adams e la sua truppa arrivano, scoprono che ne sono rimasti solo due, che pian piano raccontano la verità.
Fred m. Wilcox, è stato un regista statunitense. Inizia a lavorare nel distaccamento di New York della MGM come assistente di King Vidor. Nel 1938 inizia a dirigere da solo piccoli lavori. Il suo esordio avviene con il film “Torna a casa Lassie!” (1943), seguito da “Il coraggio di Lassie” (1946), entrambi con la giovane Elizabeth Taylor. La sua opera più famosa resta però il film di fantascienza “Il pianeta proibito” (1956).
Prenotazione obbligatoria: https://www.eventbrite.it/e/168865843283