Pallanuoto Como, il presidente non ci sta:”Bando poco chiaro, ricorso al Tar”

0
599

Giovanni Dato, il presidente della Pallanuoto Como, non ci sta. E passa all’attacco con un incontro pubblico con la stampa nel quale spiega dati e cifre del bando che la commissione comunale ha assegnato – poche settimane fa – alla Comonuoto per la gestione della sede di viale Geno per i prossimi 9 anni. “Tante cose che non tornano e sono poco chiare – in estrema sinbtesi il suo pensiero – e da qui la scelta del nostro staff legale di presentare ricorso al Tar“.

Dato contesta, in particolar modo, le modalità con le quali la Commissione comunale ha dato i vari punteggi alle due società in lizza. Alla fine la Pallanuoto Como è risultata seconda per pochi decimi. Da qui le contestazioni mosse dal club di Giovanni Dato:”Per prima cosa vogliamo dire che, a nostro giudizio, non c’erano gli estremi per partecipare al bando da parte di Comonuoto per una pregressa morosità nel pagamento delle precedenti rate“. La il club “rivale” non ci sta e contesta – con il suo presidente – questa contestazione:”Non è affatto vero – dice Mario Bulgheroni – noi abbiamo saldato tutto con il Comune: ora aspettiamo fiduciosi il ricorso”.

 

Ora la querelle si sposta al Tar: saranno i giudici del Tribunale amministrativo regionale a dire se il bando del Comune – per la sede di viale Geno – è da rifare oppure no.