Ospedale Mariano Comense, iniziano i lavori per l’adeguamento dell’edificio B

0
1104

E’ stato sottoscritto nei giorni scorsi il verbale di inizio lavori per l’adeguamento dell’edificio B del presidio Felice Villa di Mariano Comense.

La gara è stata vinta da un’associazione temporanea di imprese (ATI) composta dalla Unyon Consorzio Stabile SCarl (con sede a Roma) e dalla Progress Impianti Srl (con sede a San Marzano sul Sarno, Salerno).

L’investimento complessivo su Mariano ammonta a 6 milioni e 700mila euro stanziati al 95% dallo Stato e per la parte restante dalla Regione.

La quota relativa ai lavori veri e propri, come da contratto sottoscritto, è di 3 milioni e 800mila euro (la differenza comprende tra l’altro, le spese sostenute per la progettazione e la validazione del progetto, le spese per la direzione lavori, le spese per il coordinamento per la sicurezza, le spese per il collaudo statico…) e prevede il rifacimento totale del blocco B dal piano interrato al tetto.

Il tempo previsto per l’esecuzione dei lavori è di 734 giorni. A partire dalla prossima settimana l’impresa avvierà la fase di cantierizzazione con la predisposizione dei rilievi dello stabile, la definizione dei percorsi e delle misure di sicurezza ed entro un mese partiranno i lavori veri e propri.

“I lavori dureranno quasi due anni e quindi la svolta non sarà immediata – commenta il direttore generale di Asst Lariana Fabio Banfi – ma questo cantiere rappresenta certamente il concretizzarsi del piano di consolidamento studiato per il Felice Villa. Come sottolineato più volte questo presidio in termini di vocazione si posizionerà su una linea di offerta orientata verso le cure transizionali (degenze di comunità, di bassa intensità clinica, posti letto per pazienti sub acuti) e si caratterizzerà per una costante attenzione rivolta alle esigenze territoriali”.