Nuovo appuntamento a Bellano con “Il Bello dell’Orrido”

0
743

Trasmettiamo il seguente comunicato

Paola Dubini è la protagonista del prossimo incontro della rassegna “Il bello dell’Orrido” sabato 28 maggio (ore 18:30) al cinema di Bellano (Lecco).
Nel nuovo appuntamento della rassegna promossa da ArchiViVitali e dal Comune di Bellano, il curatore Armando Besio dialoga con Paola Dubini partendo dal saggio Con la cultura non si mangia. Falso! (Laterza) cercando di sconfiggere alcuni tra i molti pregiudizi circa il mancato valore reale e tangibile della sfera culturale, macro-area che abbraccia arti performative, digitali, editoriali, musicali. Il dibattito a Bellano trova una eco perfetta: la credenza errata ma ormai consolidata nel pensiero comune circa l’immaterialità della cultura è ben supporta anche da tante affermazioni che sentiamo ripetere: “Dietro la cultura non c’è attività d’impresa”, “La cultura non serve”, “Il lavoro culturale non paga”. Eppure, è possibile invertire questa tendenza radicata facendo conoscere la cultura e le sue potenzialità, illustrandone i suoi lati occupazionali, le sue branche, i suoi numeri, i suoi successi economici.
La presenza di Paola Dubini sarà anche l’occasione per anticipare le linee generali del progetto “Bellano Museo Diffuso”. Sarà il sindaco Antonio Rusconi a raccontare il processo di trasformazione già in corso da alcuni anni nel paese che ha dato i natali a scrittori e artisti illustri e che prevede la connessione di diversi luoghi del paese per indurre il visitatore a vivere un’esperienza personale immersiva e sinestetica nell’arte, nella natura, nella storia, nella spiritualità.

Alle ore 16:30, prima dell’incontro con Paola Dubini, sarà possibile partecipare alla visita guidata alla Chiesa di San Rocco, alla mostra di Carlo Borlenghi “LAGO DI COMO” e a quella di “Le Maschere” di Giancarlo Vitali, nello spazio adiacente sede degli ArchiViVitali. Prenotazione via mail: [email protected]

Incontro con paola Dubini a ingresso gratuito.
Per info: www.archivivitali.org