Undici multe nell’ambito del contrasto alla prostituzione. Sono stati oltre una decina i verbali emessi nel periodo estivo dalla polizia locale di Giussano (in provincia di Monza ma al confine col Comasco). È stata una intensa attività di contrasto alla prostituzione su strada: gli accertamenti, condotti a seguito di palesi violazioni del Regolamento di Polizia Urbana, hanno portato all’emissione di sanzioni da 150 euro l’una. Sorvegliata speciale la Novedratese, purtroppo nota per le molte prostitute che la frequentano.

La Novedratese controllata speciale

I servizi effettuati dagli agenti hanno interessato, da giugno a settembre, la Strada Provinciale Novedratese S.P. 102 e via Viganò. Gli 11 verbali sono stati emessi per o comportamenti in violazione dell’articolo 13 del Regolamento di Polizia Urbana. Questo vieta su “tutto il territorio comunale, a bordo di veicoli, fermarsi e domandare o concordare prestazioni sessuali con soggetti che esercitano la prostituzione su strada, ovvero con soggetti che per l’atteggiamento, o per le modalità di comportamento, manifestano di esercitare tale attività, recando intralcio o pericolo al flusso veicolare”.

È anche una questione di sicurezza stradale. Sulle strade, nelle aree pubbliche e aperte al pubblico è vietato assumere comportamenti che, finalizzati ad esercitare la prostituzione, risultano pericolosi per la circolazione stradale.

Questo può infatti distrarre i conducenti dei veicoli, fermare o rallentare gli stessi; è anche vietato assumere comportamenti che “turbano il libero utilizzo degli spazi pubblici e la fruizione cui sono destinati”.