Monza bestia nera, Como ko 3-2: rimonta inutile

0
694

Pessimo primo tempo del Como che va sotto 2-0, recupera poi fino al pari ma il gioiello di Machin decide il derby del Brianteo

Il Monza è una rosa fortissima. Finora l’ha dimostrato solo a tratti, ma oggi il primo tempo è stato da grande squadra. Complice anche un Como appannato e a tratti irriconoscibile, il primo tempo è terminato 2-0 (doppietta di Mota Carvalho) ma poteva anche finire peggio visti i due pali colpiti dai bagaj. Nella ripresa il copione della partita è cambiato, ed è stato sconvolto dall’ingresso di Parigini per Iovine: in pochi minuti sono arrivati i gol di Bellemo e Vignali a pareggiare i conti. Il Como ha anche provato a vincerla, salvo poi subire la maggior voglia di portare a casa il risultato del Monza. Sembrava un finale gestibile, ma un bolide di Machin all’88’ ha spento ogni speranza.

Peccato per un approccio alla partita decisamente deficitario, però a conti fatti il pareggio ci stava tutto. Purtroppo il Como ha un conto aperto coi derby (inutile riportare alla mente il 4+3 subito l’anno scorso dal Lecco) e in particolare contro il Monza, visto che gli ultimi otto incontri hanno portato sul Lario solo tre pareggi e cinque sconfitte. Il ko di oggi ci sta visto il valore dell’avversario, anche se lascia l’amaro in bocca per come è arrivato.

Una battuta sui singoli. Parigini senz’altro migliore in campo, Cerri subito dietro (l’intervento su di lui di Paletta dopo pochi minuti andava rivisto al Var), ma nel finale è stato espulso per proteste e potrebbe prendere una squalifica pesante. Non bene La Gumina, Iovine, Arrigoni e Scaglia. Vignali e Bellemo salvati dal gol, ma anche loro nel primo tempo hanno fatto fatica. Meglio Solini. Da segnalare l’infortunio a Gori a fine primo tempo: si prospetta un lungo stop.

Domenica sera si torna al Sinigaglia contro il Parma. Ci saranno tantissimi tifosi, così come ce n’erano tantissimi oggi: a tratti si sentivano più dei monzesi. Peccato per il risultato. Ma la classifica resta buona: +8 dal quartultimo posto.