Mense scolastiche di Como, cambia tutto: da settembre pagamenti solo online

0
1717

Una rivoluzione attende i genitori dei ragazzi che frequentano le scuole comasche: a partire da settembre  – l’annuncio è del comune e dell’assessore competente Amelia Locatelli, non si pagherà più il servizio con i bollettini postali, ma si farà tutto con il web su un sito creato dal Comune per le famiglie degli alunni. Qui ci sarà un credito e da questo saranno scalati i vari pasti giorno dopo giorno: in questo modo si pagherà il dovuto solo per i pasti effettivamente consumati, abolendo così la complessa procedura dei rimborsi.

Ogni famiglia potrà consultare in qualsiasi momento lo stato del credito ed effettuare versamenti anche in tranche minime di 20 euro o superiori. Con il nuovo sistema il costo del singolo ticket passa da 4,53 euro a 4,58. Restano gli sconti del 25% per il secondo figlio e per i disabili.

Inalterate le fasce protette di reddito Isee: fino a 3.000 euro il servizio è gratuito, da tremila a 7.500 euro il costo pasto sarà di 2,29 euro, nella fascia successiva, fino a 10mila euro 3,66 euro. Oltre, vale a dire senza alcuna esenzione (2.270 famiglie di bimbi delle primarie e un migliaio delle scuole dell’infanzia), il costo sarà di 4,58 euro.