Marzo a Villa Pizzo, scorci unici e centenari: guida alle passeggiate

Pubblicato il

Marzo: è tempo di risveglio, delle prime fioriture, della primavera. Un mese pieno di magia, scritto e cantato dai più grandi poeti di sempre. Un mese in cui i giardini sul lago iniziano a colorarsi di tinte pastello, ad essere investiti dai profumi della primavera. Villa Pizzo, in questo mese di nuovi inizi e ricorrenze, apre al pubblico con quattro appuntamenti per grandi e piccoli.

Di seguito le attività di marzo a Villa Pizzo:

  • Domenica 5 marzo alle 10.00: Le Donne del Pizzo
    In vista dell’8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, una passeggiata guidata “classica” con qualche chicca in più. Quali sono le donne che sono passate per il Pizzo? Un percorso a tappe in cui, tramite oggetti “simbolo”, si scopriranno le personalità femminili che hanno abitato Villa Pizzo lungo i secoli.
  • Sabato 11 marzo alle 10.00 e Sabato 25 marzo alle 15.00: Passeggiata Guidata
    Una passeggiata a tappe nel grande giardino di Villa Pizzo, tra storia e aneddoti di famiglia, natura e perle botaniche. Un viaggio alla scoperta delle vicende storiche e dei personaggi passati per “Il Pizzo”, un’incursione tra le sale della Villa, finemente arricchite dagli arredi dell’epoca.
  • Domenica 19 marzo alle 10.00: Caccia ai Colori!
    Di che colore è la primavera? In occasione della Festa del Papà, un’attività per famiglie alla ricerca dei colori del giardino in primavera. Un laboratorio creativo e una caccia al tesoro alla scoperta della bellezza e della magia della natura in primavera. Durante l’attività i bambini devono essere sempre accompagnati da un adulto.Informazioni Caccia ai Colori!: Durata: un’ora e mezza circa. Costo: bambino + adulto 10 euroAdulto aggiuntivo: 5 euroInformazioni Passeggiate Guidate:Durata delle passeggiate guidate: un’ora e mezza circa Costo: Biglietto intero 15 euro
    Biglietto ridotto (under 18 e studenti) 10 euro Bambini (under 10): gratuitoNumero posti limitato.

Per approfondire: Villa Pizzo, dimora di storia e di natura

Architettura semplice, colore inconfondibile, parco sconfinato: Villa Pizzo a Cernobbio è una dimora storica unica nel suo genere. Essa prende il nome dallo sperone roccioso su cui sorge: Piz in dialetto significa punta, sporgenza. Ed è proprio su un promontorio che la Villa e il suo parco hanno preso forma molti secoli fa. La semplicità dell’architettura della Villa perfettamente si interseca, quasi per contrapposizione, con l’irregolarità e la varietà di stili e colori del giardino, che si estende per quasi due chilometri sulla sponda occidentale del Lago di Como.

La storia di Villa Pizzo

L’inizio della storia di Villa Pizzo viene fatta risalire al XV secolo, quando la famiglia Mugiasca di Como, che si occupava di commercio di sete e stoffe, acquistò i terreni su cui successivamente venne costruita la Villa.Tra i momenti cruciali della proprietà dei Mugiasca, durata oltre quattro secoli, si ricorda la peste manzoniana del 1629, che vide il Pizzo divenire rifugio di molte persone in fuga dalle città infettate. Tra gli illustri personaggi che frequentarono la Villa vi fuAlessandro Volta, ricordato da un monumento di commemorazione che i proprietari fecero costruire in un quieto angolo del parco a nord, dopo la sua morte.

Dopo i Mugiasca fu un personaggio politico di spicco ad acquistare la proprietà cernobbiese: il vicerè del Lombardo-Veneto Ranieri d’Asburgo, che arrivò al Pizzo con un architetto del paesaggio, il Villoresi, che con abilità e visione diede una forma unica e definitiva al parco. Con lo scoppio dei Moti del 1848 il viceré lasciò la Villa, che venne acquistata dalla madame parigina Elise Musard, che diede un tocco femminile alla Villa tingendola di rosa. Successivamente la Villa fu acquistata dalla famiglia milanese Volpi Bassani, che rispettarò le scelte architettoniche e stilistiche del passato aggiungendo due elementi di pregio che ancora si possono ammirare nel parco: il Mausoleo di famiglia, opera del noto architetto Luca Beltrami e la grande darsena, che si affaccia sul lago regalando una meravigliosa veduta panoramica.

I giardini di Villa Pizzo vantano scorci unici, aiuole ridenti ed esemplari centenari: la Grande Canfora domina il Giardino all’Italiana, una Magnolia altrettanto “anziana” fa da guardia al Giardino delle Rose e alla vecchia limonaia. La Zona Genova ospita piante mediterranee ed esotiche, il Giardino all’Inglese è il rifugio di cipressi, lecci, bossi centenari e statue barocche.

Ogni angolo del parco e della casa, a Villa Pizzo, è una magia pronta per essere catturata dagli occhi di chi guarda.

Potrebbe interessarti

È nata l’Accademia de la Cazoeula (o Casoeula)

Con delibera dello scorso lunedì 20 maggio, il Consiglio di Amministrazione dell'Associazione Cazoeula (che...

Como, tenta di rubare le MTB dal portabici di un’auto straniera, scoperto e arrestato

La Polizia di Stato, ieri sera, ha arrestato per tentato furto aggravato un 25enne...

Blitz dei carabinieri nei boschi della droga: sequestro di cocaina e 3 arresti

I carabinieri  di Cermenate hanno svolto un servizio straordinario per il contrasto al fenomeno...