Le Infinite Ragioni di Leonardo a Como: una performance letterario-artistica a Palazzo Valli-Bruni

0
1242
lo scrittore Giuseppe Bresciani

Sabato 11 maggio, dalle ore 19, Leonardo da Vinci sarà protagonista di una performance letterario-artistica a Palazzo Valli-Bruni in via Rosari 1.

Tablinum ha infatti organizzato in collaborazione con il Liceo Musicale-Coreutico-Accademia Giuditta Pasta una serata in cui sarà presentato ai cittadini comaschi l’ultimo romanzo di Giuseppe Bresciani, “Le infinite ragioni”.

la locandina dell’evento

La conferenza su Leonardo sarà accompagnata da una raffinata performance musicale.

LE INFINITE RAGIONI a COMO

Il 2019 è l’anno del Cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci e fioriscono gli eventi per celebrarlo. Sabato 11 maggio alle ore 19, a Como, nelle prestigiosa cornice di Palazzo Valli Bruni in via Rodari 1, lo scrittore comasco Giuseppe Bresciani presenterà LE INFINITE RAGIONI, un’opera che ha la serietà dello studio critico e il fascino del diario intimo. L’autore immagina che Nel Manoscritto di Amboise, un testo di cui si ignorava l’esistenza, Leonardo da Vinci racconti la sua ultima stagione in Francia, dove è ospite del re Francesco I. Stanco e amareggiato, egli affida a un diario i fatti di cronaca e i ricordi intimi, confessando il tormento fisico e dell’anima che lo attanaglia.

lo scrittore Giuseppe Bresciani

Gli incontri e la corrispondenza con uomini famosi, i brevi viaggi, i progetti affidatigli dal re, l’arte e la scienza, il ritorno inquietante del passato e gli estremi tentativi di mettere ordine nella sua vita non gli procurano un sollievo ma ulteriore pena. E quando la salute peggiora, trova il coraggio di scavare a fondo nel suo animo e riconoscere la natura segreta delle passioni che lo agitano. Nei fogli destinati a essere raccolti e custoditi dal discepolo Francesco Melzi, emerge l’identità della Gioconda, la complessità dei rapporti di Leonardo con le donne e il corpo maschile, la sua visione del mondo e la combattuta religiosità, la forza sovrumana e la fragilità. Le sue parole, rivelatrici di una profonda umanità, commuovono e sorprendono, finché, a pochi giorni dalla morte, egli manifesta le verità nascoste.

leonardo da vinci

La chiave di lettura del mistero del genio fiorentino è nelle parole con cui celebra la vita che declina verso lo zenit: “La natura è piena d’infinite ragioni, che non furon mai in isperienzia”. Bresciani accompagnerà il pubblico in un viaggio al centro del Genio, raccontandone il carattere, le virtù e i vizi, disegnando senza reticenze la figura umana straordinaria dell’Artifex errabundum. L’evento è organizzato da Tablinum Cultural Management e accompagnato dagli archi del Liceo Musicale Coreutico Giuditta Pasta di Como.

Giuseppe Bresciani è un autore comasco poliedrico e raffinato. Dopo L’inferno chiamato Afghanistan (2012), Il cantico del pesce persico (2013) e La frontiera (2016), è alla sua quarta prova narrativa, frutto di una ricerca storica e psicologico-spirituale grazie alla quale ha saputo immedesimarsi in un Leonardo senza veli, disegnando una figura umana non meno straordinaria di quella universalmente nota dell’artista e dell’inventore.