LacMus Festival: il debutto della terza edizione sull’Isola Comacina con uno straordinario concerto

0
636
In Tremezzina, sul Lago di Como, dal 26 giugno al 7 luglio torna la terza edizione di LacMus Festival, evento musicale che propone concerti con artisti di fama internazionale e giovani emergenti in luoghi splendidi e inusuali.
un concerto della scorsa edizione nella cornice magica di Villa Balbianello

La più importante novità di questa edizione è il concerto straordinario che si terrà per la prima volta sull’Isola Comacina sabato 29 giugno: per la prima volta il pubblico di LacMus Festival potrà ascoltare musica in un contesto estremamente suggestivo, raggiungibile solo in barca da Ossuccio. Protagonisti i fiati di Les Vents Français insieme alla LacMus Festival Orchestra diretta daPaolo Bressan.

isola comacina

Un’altra interessante novità è la mostra “E’ degli angeli un sorriso, questo lago, il verde, i fior – L’Incanto Musicale del Lago di Como”, allestita dal 26 giugno al 31 agosto presso il Museo del Paesaggio del Lago di Como a Villa Mainona di Tremezzo. Curata da Paola Colombo in collaborazione con un ampio pool di enti pubblici e di collezioni private, la mostra documenta l’importanza che alcune ville e località ebbero nello scenario culturale otto-novecentesco in quanto importanti salotti musicali. Saranno esposti documenti originali, tra cui spartiti, lettere, autografi, costumi di scena – testimoni di presenze illustri sul Lario, come Gioachino Rossini, Giuseppe Verdi, Vincenzo Bellini, Giuditta Pasta, Maria Taglioni, Tito e Giulio Ricordi, Artur Schnabel.

Nuove location si aggiungono a quelle già sperimentate nelle due edizioni precedenti: oltre all’Isola Comacina, ci sarà quest’anno anche la Chiesa Anglicana dell’Ascensione di Cadenabbia.

Sono inoltre riconfermate le ormai storiche sedi dei concerti: il Santuario della Madonna del Soccorso di Ossuccio – sito del Patrimonio Unesco –, Villa CarlottaVilla del Balbianello – prestigioso bene FAI -, il Grand Hotel di Tremezzo e la Greenway del Lario.

Tra i grandi nomi di questa edizione, oltre ai due direttori artistici Louis Lortie e Paolo Bressan, spiccano Ton Koopman, Klaus Mertens, Sophie Koch, Christiane Karg Emmanuel Pahud e i fiati di Les Vents Français. Accanto a loro, i giovani della Cappella Musicale Regina Elisabetta del Belgio, ospiti per un’Accademia estiva e protagonisti di diversi appuntamenti, ed alcuni talenti locali, che avranno così la possibilità di mettersi in luce su un palcoscenico prestigioso.

ecco il link all’intero programma:

https://lacmusfestival.com/it/editions/programma-2019/