La sfortunata sorte dei magnifici setter inglesi: la storia di Cindy (a lieto fine)

0
3688
Ph Ryan Stone on Unsplash

Cindy è una bellissima femmina di setter di circa 7 anni, ha un “sorriso” contagioso e due grandi occhi neri.

Purtroppo, la sua storia assomiglia molto a quella di migliaia di altri setter inglesi ma, fortunatamente, la sua ha un altro finale.

I setter, essendo cani da punta, vengono spesso sfruttati e trattati come strumenti per la caccia, usati quando servono e riposti in piccole gabbie quando il loro lavoro finisce. Esattamente quello che è successo a Cindy.

Cindy

Dopo avere svolto il suo lavoro per molti anni il suo padrone non ha più avuto bisogno di lei e si è limitato a lasciarla in una gabbia tutto il giorno e tutti i giorni. Fortunatamente la vita di Cindy ha preso una piega positiva quando, in seguito a una segnalazione dei volontari della zona, è stata spostata presso il rifugio Valbasca dove, dal 2016, si prendono tutti cura di lei.

Cindy non è un cane per tutti, servono persone non alla prima esperienza e che conoscano le “motivazioni di razza” che guidano certi atteggiamenti tipici dei setter. Ha sicuramente bisogno di una famiglia attiva e preferibilmente di una casa con un giardino, in modo che possa sempre sfogare le sue energie.

Cindy è un cane affettuosissimo, il suo fare allegro contagia sempre tutti in canile ma in passeggiata manifesta alcuni comportamenti da correggere: non va d’accordo con tutti i cani e, soprattutto, odia le biciclette. Ai suoi occhi appaiono come grandi mostri che le sfrecciano di fianco e tende a reagire.

Anche in questo caso crediamo che la persona giusta per lei sia là fuori da qualche parte e darle un po’ di visibilità potrebbe aiutarla a trovare la sua seconda occasione. Se crederete in lei, in cambio vi darà tutto l’amore di cui è capace e vi strapperà un sorriso ogni volta che con il suo sguardo curioso sembrerà dirvi “andiamo?”