La grande eccellenza lariana: alla scoperta dello Zafferano di Faloppio

0
305

Lo hanno chiamato l’Oro rosso di Como. Ed hanno ben ragione. Perchè lo Zafferano lariano sta per arrivare anche sulle tavole straniere. La nuova sfida di questa assoluta eccellenza lariana – con l’imprenditore agricolo Rolando Germani di Faloppio –  arriva anche a lambire l’estero dopo tre anni dal suo lancio. Una gemma preziosa tutta Made in Como che viene coltivato, con grande cura, sulle colline di Faloppio in quella che è stata ribattezzata “Collina d’Oro”.

Il ciclo produttivo si svolge nel pieno rispetto dell’ambiente e della natura e per questo i Germani hanno scelto di non utilizzare sostanze chimiche o macchinari potenzialmente inquinanti nelle fasi della lavorazione. Il processo di coltivazione di Zafferano Collina d’Oro inizia con un’aratura in profondità e con l’interramento del letame maturo, al quale segue l’affinamento e il livellamento della superficie e la preparazione delle aiuole che ospiteranno i bulbi, frutto di un’attenta selezione.

Successivamente, fra la fine del mese di agosto e l’inizio del mese di settembre, parte la fase importante: a dimora i bulbi in aiuole. Per ogni ettaro di terreno, in media, da 500 a 600 mila bulbi, che non richiedono irrigazione. Il ciclo vegetativo dello zafferano comincia con le prime piogge di settembre e con l’emissione di un ciuffo di foglie filiformi. Ma sono i fiori che rendono davvero suggestivi i campi di zafferano di Faloppio con petali di colore roseo-violaceo e lo stimma rosso scarlatto.

I fiori vengono poi raccolti ai primi di ottobre: il raccolto completato in circa 20 giorni, senza l’ausilio di macchinari o altri strumenti di lavoro, ma solo con attività manuali. Il processo di raccolta richiede un’attenta manualità e grande delicatezza. Per produrre solo un chilo di zafferano occorrono circa 150.000 fiori e ben 500 ore di lavoro.

Una volta trasferiti i fiori nei luoghi di trasformazione predisposti, si passa alla fase della sfioritura, vale a dire l’apertura del fiore con l’asportazione degli stimmi che vengono messi nei forni di essiccazione. Questo è il momento cruciale di tutto il lavoro: durante questa fase gli stimmi perdono più di metà del loro peso. Dopo l’essiccazione avviene la selezione degli stimmi che verranno inseriti e commercializzati nei vasetti in vetro, materiale ideale per preservare al meglio le caratteristiche organolettiche, l’aroma e la qualità del nostro prodotto.

Lo Zafferano Collina d’Oro, eccellenza del Lario, viene già venduto da tempo sia via Web, attraverso la piattaforma e-Commerce, ma anche direttamente a Faloppio.