Jack Gattuso: quando tre mesi “anonimi” valgono più di una promozione

Pubblicato il

Il lavoro dell’allenatore del Como nel girone d’andata in Serie B è stato ancor più efficace rispetto alla scorsa stagione

Mezza stagione a metà classifica può valere più di un campionato vinto? Per Jack Gattuso sì.

In Serie C l’allenatore comasco ebbe un impatto strepitoso: nelle sue prime otto panchine dopo essere subentrato a Banchini ottenne sette vittorie e un pareggio, che risultarono poi fondamentali per il salto di categoria. Così come furono decisive le ultime tre vittorie, soprattutto quelle contro Livorno e Alessandria. Quindi chiaramente anche la scorsa stagione il bilancio di Jack è stato positivo.

Però…ci sono dei però. Certo, super inizio e super finale. Ma nel mezzo, tra la sconfitta di Pistoia e quella di Olbia, tutto il Como andò in grande difficoltà, fisica ma anche mentale. Dopo aver preso il comando la squadra lariana fu spesso irriconoscibile tanto che, dalla sconfitta di Pistoia a quella di Olbia, arrivarono appena 23 punti in 15 partite. Un calo che fece preoccupare tutti. La resurrezione finale unita ai problemi delle dirette concorrenti permise di raggiungere un risultato che era oltre ogni aspettativa a inizio stagione.

Quest’anno invece l’obiettivo era diverso: la salvezza. E il Como ha finito il 2021 all’undicesimo posto, con un margine di 8 punti dal quintultimo posto. Dopo un fisiologico inizio difficile, Jack ha trovato la quadra e soprattutto sembra essere entrato nella testa dei giocatori. La sua rosa è, l’abbiamo sempre detto, da salvezza e non da zona playoff. Ma in un campionato pieno di avversari di livello sta riuscendo a tenersi lontana dalle posizioni pericolose anche grazie al suo allenatore.

Dopo essersi calato nella categoria, Gattuso ha saputo aiutare psicologicamente i suoi giocatori. Così ecco Bellemo, Iovine, Arrigoni e Solini che prendono consapevolezza di poter stare in Serie B; ecco Chajia che senza essere troppo ingabbiato tatticamente fa la differenza coi suoi dribbling; ecco giocatori in cerca di riscatto come Vignali, Parigini, Cerri e La Gumina che pur con fatica vengono fuori; ecco i vari Facchin, Bovolon e Gabrielloni che si fanno trovare pronti alla bisogna. E non è solo questione di testa: Jack prepara anche bene le partite, tanto che molte volte i suoi hanno segnato nei primi minuti sfruttando i punti deboli avversari. E sta migliorando anche la sua capacità di leggere i match in corso: il cambio di modulo ben riuscito durante Como-Reggina ne è un esempio.

Insomma, Giacomo Gattuso ci sta sorprendendo. Sta ottenendo continuità di risultati e, tenendo conto dei pesanti infortuni, anche di prestazioni. Ovviamente i nostri complimenti sono basati su neanche tre mesi di campionato: da Brescia-Como in poi. Tutto va confermato iniziando nello stesso modo il 2022: speriamo vada davvero così, in tal caso la salvezza non sfuggirà a Jack e ai suoi ragazzi.

Potrebbe interessarti

Adrea Spataro e Omar Piras hanno vinto il Rally della Valle Intelvi

Due zampate decise ad inizio gara e il resto ad osservare con molta attenzione...

16° Rally della Valle D’Intelvi, la prima giornata tra tempo incerto e acquazzoni

Andrea Spataro e Omar Piras (in copertina foto di Enrico Selva) concludono in testa...

Conto alla rovescia per il Rally della Valle Intelvi

Il conto alla rovescia per il secondo appuntamento del Lakes Rally Trophy è cominciato....