Intervista a Omar Pedrini: Al Tambourine di Seregno da “Cane Sciolto”

0
3672
omar pedrini

Omar Pedrini sarà, sabato 24 febbraio, al Circolo Arci Tambourine di via Carlo Tenca 16 a Seregno per un reading+live unplugged, praticamente nello stile della beat generation, un movimento culturale e letterario da sempre citato e molto amato dallo “zio rock”

Ingresso a 10 euro con tessera Arci, inizio alle 21.30

info

http://www.tambourine.it 

https://www.facebook.com/omarpedriniofficial/

https://www.facebook.com/canescioltopedriniscarioni/

 

la locandina dell’evento con Omar Pedrini

Si tratta di uno spettacolo che trae origine dal romanzo/biografia “Cane Sciolto”, edito da Chinasky e scritto in collaborazione con Federico Scarioni, nel quale Omar racconta e si racconta in alcuni imperdibili episodi che sono la trama di una vita romanzesca ma non romanzata, un percorso singolare, intenso, colmo di umanità, sangue, sudore, lacrime e tanto tanto rock’n’roll.

Omar Pedrini durante una presentazione del suo libro

“Arriviamo a Seregno-racconta il rocker bresciano-con questa formula particolare con la quale stiamo ormai girando l’Italia come fosse una vera e propria tournée. Durante la serata leggo alcune parti del libro senza seguire una scaletta prestabilita. Dalle parole nascono delle emozioni che seguendo un filo conduttore si traducono in musica, richiamando a loro volta delle canzoni del mio repertorio, da quelle storiche con i Timoria a quelle della mia produzione più recente, che eseguo in versione unplugged. Siamo partiti dalle presentazioni del libro, che ormai è alla seconda edizione e continua a raccogliere consensi, per arrivare alla formula attuale, un vero e proprio reading accompagnato dalla musica, tipologia di spettacolo che ho frequentato anche in passato e con il quale ho un rapporto molto intimo.”

la copertina di Cane Sciolto

Omar Pedrini sta vivendo un meritatissimo periodo di grande rilancio artistico e professionale, dopo i forzati stop imposti dai noti problemi cardiaci che lui ha affrontato da guerriero indomito, superando ostacoli che sembravano invalicabili, e tornando a calcare i palcoscenici dei rock club più importanti d’Italia ripartendo dal basso, preferendo il suono della sua chitarra, l’intensità delle sue parole, la musica suonata, a qualsiasi strategia di marketing.

Il libro “Cane Sciolto” sta vivendo un continuo successo, così come il suo ultimo album da solista, uscito lo scorso anno, “Come se non ci fosse un domani”, ancora oggi presente nelle parti alte della classifica italiana dei dischi più venduti, una cosa che non succedeva dai tempi dei Timoria.

“L’anno prossimo saranno 25 anni dalla pubblicazione di Senza Vento– ricorda Pedrini- un disco che segnò un’epoca e inaugurò la stagione del rock italiano aprendo nuovi spazi ad un genere che non era mai stato così alto in classifica. Sto lavorando a qualcosa di mirato che ne celebri la ricorrenza, un mese di eventi speciali, in concomitanza con la pubblicazione del disco rimasterizzato da parte della Universal. Sto vivendo un bel momento, è una sorta di ritorno a casa dopo aver ricominciato da zero. E’ stato bello ed emozionante tornare sui palchi dei club più prestigiosi del rock come l’Alcatraz di Milano e l’Hiroshima Mon Amour di Torino.”

Il tour di presentazione, con reading ed unplugged, di Cane Sciolto, sull’onda di un successo crescente, avrà ancora una serie di appuntamenti nel Sud Italia, mentre in estate Omar tornerà ad esibirsi dal vivo con tutta la band in alcuni festival  con i successi della sua carriera e alcune cover di classici rock che sono parte indissolubile del suo percorso.

Cane Sciolto dalla sua uscita ha portato con se una serie di conseguenze positive, dando  il via ad una reazione a catena, fino a diventare fonte di ispirazione per un nuovo affascinante progetto in video

“Dopo una mia intervista particolarmente intensa e profonda per Il Fatto Quotidiano– svela in anteprima il cantautore rock-il grande regista Mimmo Calopresti ha voluto seguire una mia giornata , filmando e realizzando un film Rockumentary su Cane Sciolto, un mediometraggio di 40 minuti scritto da Alessandro Ferrucci e diretto dallo stesso Calopresti, che con ogni probabilità sarà il pilota di una serie monografica con protagonisti altri cinque “cani sciolti” dell’arte e della musica. Al momento è in fase di montaggio e non so dire attraverso quali canali verrà diffuso”.

“Cane Sciolto” è Il romanzo-biografia su Omar Pedrini, il rocker che visse tre volte. Omar Pedrini è una rockstar da molto tempo. Leader dei Timoria per quasi 20 anni, poi cantante solista, poeta, showman, autore e conduttore tv, artista trasversale, attore e addirittura docente in università. In questo libro il musicista bresciano decide finalmente di raccontarsi e raccontare la propria storia, un percorso umano e artistico fatto di coraggio, scelte in controtendenza, momenti difficilissimi e tanto rock n’roll.

Dai primi successi con i Timoria al festival di Sanremo fino alle attenzioni, neppure troppo desiderabili, dei paparazzi; dai drammatici interventi a cuore aperto agli incontri e alle collaborazioni con gente del calibro di Alexander Jodorowski, Lawrence Ferlinghetti, Mauro Corona, Noel Gallagher e tanti tanti altri.

omar pedrini

Oggi Omar ha 50 anni, una famiglia e un presente fatto di rock indipendente, collaborazioni eccellenti e un incrollabile amore per la vita. Ci racconta la sua storia con un denso percorso di ricerca, fatto di persone, di incontri e di luoghi, che restituiscono il calco del ritratto di questo infaticabile maratoneta del R&R; la voce narrante di questa storia è Federico Scarioni, alla sua prima prova con Chinaski. Con i contributi all’opera di: Giulio Mogol; Mauro Corona; Mauro Pagani; Red Ronnie; Matteo Guarnaccia; Nicolai Lilin; Max Brigante; Pino Scotto; e tanti altri.