Il grande tennis arriva a Villa Olmo: super-nomi per il Challenger Atp di Como

0
1763

E’ stata presentata oggi, in comune a Como, la 13esima edizione del Challenger Atp “Città di Como”. Scenario d’eccezione per il torneo professionistico di tennis che da domani – sabato 25 agosto – fino a domenica 2 settembre, giorno della finale, metterà in palio il titolo che è detenuto dal portoghese Pedro Sousa. Giocatore quest’ultimo che ha già annunciato il suo arrivo a Villa Olmo per difendere il titolo vinto un anno fa contro Marco Cecchinato.

Fino ad oggi, nel ricco albo d’oro del Challenger di Como in cui figurano nomi di primo piano del panorama mondiale, solo lo spagnolo Pablo Carreno Busta (numero 12 dell’Atp) è riuscito a vincere due volte il titolo, la prima volta in finale contro il tedesco Andreas Beck (nel 2011), la seconda contro l’austriaco Dominic Thiem (nelle ultime classifiche numero 9 al mondo) nel 2013.

L’edizione del 2018 si preannuncia fin da ora altamente spettacolare. Basta dire al riguardo che dovranno partire dalle qualificazioni nomi come Martin Klizan, 72 al mondo, che ad inizio agosto ha vinto l’Atp di Kitzbuhel, oppure Thomaz Bellucci (brasiliano, ex 21 del ranking iridato) e Andreas Haider-Maurer (ex 47 dell’Atp, che vinse a Como nel 2012).

Testa di serie numero 1 sarà invece il boliviano Hugo Dellien. Le wild card sono state date a Filippo Baldi, Francesco Forti, Alessandro Coppini (che ha vinto il circuito di Prequalificazione) e Jannik Sinner, 17enne finalista al recente Futures di Santa Cristina. Wild card per il tabellone di qualificazione per Gianluca Di Nicola, Federico Iannaccone, Julian Ocleppo e Federico Arnaboldi, canturino che con il cugino Pro Andrea dovrebbe fare anche il torneo di doppio.

Sul fronte degli italiani, a secco al Challenger di Como dal 2006 (quando cioè Simone Bolelli si aggiudicò la prima edizione in finale sul compianto Federico Luzzi), giocheranno il già citato Andrea Arnaboldi (in quello che è il suo torneo di casa), Salvatore Caruso, Matteo Donati, Alessandro Giannessi e il 20enne – reduce da un’ottima stagione – Gian Marco Moroni. Toccherà a loro infrangere un tabu – quello della vittoria azzurra in riva al Lario – che non è stato scalfitto nemmeno dal semifinalista di Parigi, Marco Cecchinato, finalista ma sconfitto sia nel 2016 sia nel 2017.

Questo torneo ci sta dando grandi soddisfazioni – ha commentato in apertura di conferenza stampa il sindaco, Mario Landriscina – Crediamo molto in questo evento che fa bene allo sport e alla città. Per Como è ormai diventato un pezzo importante della storia cittadina”.

A Palazzo Cernezzi c’era anche Alessandro Fermi, presidente del consiglio di Regione Lombardia: “Sappiamo bene quanto costa organizzare eventi come questo e mi sono impegnato perché la Regione fosse accanto al Tennis Como che ringrazio per lo sforzo che porta avanti da 13 anni. Il Challenger Atp è senza dubbio uno dei tre eventi più importanti della città”.

La tanta gente che è presente oggi in questa sala già racconta l’importanza di questo torneo – ha aggiunto l’assessore allo Sport, Marco Galli – Evento che si disputa in un location unica in Italia che sarà un ulteriore spot per tutto il territorio”.

L’assessore al Turismo, Simona Rossotti, ha poi voluto sottolineare “l’entusiasmo con cui viene portato avanti questo torneo”, aggiungendo l’importanza dello sport come veicolo per trattenere i turisti in città: “Il tennis è uno sport amatissimo da molti turisti, questo torneo offre loro un’occasione in più per fermarsi in riva al nostro lago per un periodo di tempo più lungo”.

La parola è poi passata alla presidente del Tennis Como, Chiara Sioli: “Siamo onorati di essere qui, a Palazzo Cernezzi, in questa sala, per la presentazione del nostro torneo. Una cornice che ci fa sentire importanti.  Sappiamo che su di voi potremo sempre contare. Ma voglio anche ringraziare tutti gli sponsor che ci aiutano da tempo. Senza di loro e senza la Federazione non riusciremmo a organizzare il torneo”.

Il Trofeo “Intesa Sanpaolo” di singolare, e “Bianchi Group” di doppio, quest’anno è passato ad un montepremi più alto, 64 mila euro. “Il tabellone di qualificazione scatterà domani mattina alle 10 – ha poi concluso Paolo Carobbio, direttore del Torneo – Le prime partite del tabellone principale saranno lunedì”.

L’ingresso fino a giovedì compreso sarà di 5 euro, 10 euro dal venerdì. La finale è in calendario domenica pomeriggio in un orario ancora da definire. Presenti alla conferenza stampa anche il fondatore del torneo, l’ex presidente del Tennis Como Giulio Pini, e il delegato della Fit Walter Schmidinger che ha voluto sottolineare i numeri sempre più in crescita del tennis che, a livello nazionale, è secondo ormai solo al calcio.

LE DATE

25-26 agosto: tabellone di qualificazione; 27 agosto-2 settembre: tabellone principale del Challenger.