Gravedona

0
9332

Il paese di Gravedona nel 1500 fu la capitale delle Tre Pievi Superiori del Lago di Como e riuscì sempre a mantenere una autonomia anche sotto le signorie dei Visconti e degli Sforza. Vanto di Gravedona è certamente l’arte orafa, di cui Francesco di ser Gregorio è il massimo rappresentante. Fra i palazzi del paese che consigliamo di visitare spicca certamente quello detto “palazzo delle quattro torri”, architettura forte ed elegante allo stesso tempo progettata da Pellegrini nel tardo 1500. Il più insigne monumento di Gravedona è la chiesa di S. Maria del Tiglio, rivestita di marmi bianchi e grigi. Ricordiamo inoltre la Chiesa di S. Vincenzo edificata intorno al 1050 che conserva la cripta e due iscrizioni del VI secolo e la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, considerata uno degli ambienti più intatti e curati del rinascimento lariano.
Da Gravedona è anche possibile intraprendere escursioni di tipo naturalistico come, ad esempio, il percorso del passo di S.Jorio. Questo passo, probabilmente di origine romana, offre agli escursionisti paesaggi mozzafiato e arriva a toccare i 2000 metri di quota, dai quali è possibile ammirare il massiccio del Rosa.

Gravedona was the capital city of Tre Pievi Superiori and was able to maintain its autonomy even during the power of Visconti and Sforza families. Source of pride of this little village is the goldsmith’s art and Francesco di ser Gregorio is the leading figure in this field. Amon the places we suggest to visit there’s the “palazzo delle quattro torri”, an example of a strong and elegant architecture, projected by Pellegrini, in late 1500. The most sublime building in Gravedona is S.Maria del Tiglio church, covered in black and grey marble. We also want to mention the S.Vincenzo church, which was built in 1050 and keeps a crypt and two inscriptions dating back to VI century, and the S.Maria delle Grazie church, which is considered one of the most intact buildings from the Lake Como renaissance.
You can also undertake naturalistic walks, like the one to Passo S.Jorio. This pass, perhaps of Roman origins, offers to the hikers breathtaking views and it’s provided with high summits from where you can see the Massiccio del Rosa (Mount Rosa).

(a cura di Paola Fasana)