Giornate FAI di Primavera: presentate le aperture speciali degli splendidi beni lariani

0
2116
Un interno di Villa Passalacqua

27ª EDIZIONE

GIORNATE FAI DI PRIMAVERA

Evento nazionale di partecipazione attiva e di raccolta pubblica di fondi

Sabato 23 e domenica 24 marzo 2019

Apertura straordinaria di oltre 1.100 siti in 430 località d’Italia

E’ stato presentato ieri in città il calendario con l’elenco delle strutture di interesse culturale e storico del comasco che saranno accessibili per l’occasione

Lo splendido paradosso della bellezza italiana è l’essere insieme quotidiana e straordinaria, a volte sontuosa ed esplicita, altre nascosta e ferita, ma sempre così profondamente nostra da definire chi siamo e ricordarci gli innumerevoli intrecci che hanno tessuto le nostre origini, lasciando impronte nel nostro patrimonio culturale quasi fossero indizi. Sabato 23 e domenica 24 marzo 2019 il FAI – Fondo Ambiente Italiano invita tutti a partecipare alle Giornate FAI di Primavera per guardare l’Italia come non abbiamo mai fatto prima e costruire un ideale Ponte tra culture che ci farà viaggiare in tutto il mondo.

Giunta ormai alla 27ª edizione, la manifestazione si è trasformata in una grandiosa festa mobile per un pubblico vastissimo, che attende ogni anno di partecipare a questa straordinaria cerimonia collettiva, appuntamento irripetibile del nostro panorama culturale che a partire dal 1993 ha appassionato quasi 11 milioni di visitatori. Anno dopo anno le Giornate FAI di Primavera superano se stesse: questa edizione vedrà protagonisti 1.100 luoghi aperti in 430 località in tutte le regioni, grazie alla spinta organizzativa dei 325 gruppi di delegati sparsi in tutte le regioni – Delegazioni regionali, provinciali e Gruppi Giovani – e grazie ai 40.000 Apprendisti Ciceroni. Centinaia di siti e migliaia di persone che l’anima del FAI accende, prendendo per mano tutti e accompagnando gli italiani a specchiarsi nella stupefacente varietà del paese più bello, aprendo luoghi spesso inaccessibili ed eccezionalmente visitabili in questo weekend, durante il quale è possibile sostenere la Fondazione con un contributo facoltativo o con l’iscrizione.

“Si tratta di un’esperienza unica alla scoperta di alcuni gioielli del territorio larianoconferma Roberta Di Febo Capo Delegazione del FAI di Como. Le Giornate FAI di Primavera rappresentano un momento molto importante per il FAI, per decantare ed ammirare la bellezza del nostro territorio, traccia indelebile del patrimonio italiano. Un evento reso possibile grazie all’impegno e alla collaborazione di tutti coloro che hanno partecipato al progetto”.

  • I Beni aperti dalla Delegazione FAI di Como (oltre ai Beni FAI del territorio) per l’occasione sono:

Aperture della delegazione FAI di Como:

Villa Pizzo | Via Regina 48 Cernobbio (CO)
Sabato 23 marzo > ore 10:00- 12:00- 15:00
Domenica 24 marzo > ore 11:00 – 15:00

Villa Pizzo

Il suo prospetto sul Lago di Como la fa sembrare una sorta di prolungamento di Villa d’Este. Con un sublime e ampio giardino, che la rende una meta tra le preferite dagli amanti dell’Arte Verde, Villa Pizzo affonda radici nella storia. Costruita nel XV secolo e passata da varie mani, visse il suo periodo magico tra il XVII e il XIX secolo.

Negli orari indicati, le guide della villa accompagnano i visitatori – in gruppi di 30, alla scoperta degli interni e del giardino. La visita avrà una durata indicativa di 40 -50 minuti.

Nota per la visita: non ci sono possibilità di parcheggio in zona L’unico parcheggio utile, più grande e vicino (e gratuito), è quello di Villa Erba, per poi proseguire a piedi.

Per chi prende il bus c’è una fermata poco dopo Villa d’Este e poi da fare un tratto a piedi. Non è possibile l’accesso per i disabili.

Villa Revel Parravicini | Via Museo Giovio 6 Como
Sabato 23 marzo> 14:00- 17:30
Domenica 24 marzo> 09:30- 12:00

Villa Revel Parravicini


RISERVATO AI SOLI ISCRITTI, CON POSSIBILITA’ DI ISCRIVERSI IN LOCO

Si tratta di una villa risalente alla seconda metà del ‘700, passata all’inzio del ‘900 al Generale Genova Thaon di Revel, protagonista del Risorgimento Italiano e ancora di proprietà degli eredi. I ragazzi dell’Istituto Caio Plinio di Como vi accompagneranno attraverso sale riccamente decorate e impreziosite da arredi dell’epoca, con incantevoli affacci sul nostro bel Lago.

Nota per la visita: è possibile l’accesso per disabili in carrozzina

 

Biblioteca del Pontificio Collegio Gallio | Via Gallio 1 Como
Sabato 23 marzo > 10:00 – 17: 30
Domenica 24 marzo > 10:00 – 17:30

Biblioteca del Pontificio Collegio Gallio

 

La biblioteca del Gallio, struttura scolastica affidata ai padri Somaschi, nonché proprietari, e da loro ininterrottamente gestita sin dall’epoca della sua fondazione nel lontano 1583, ne testimonia in modo straordinario la storia e l’attività educativa sin dalle origini. Andremo alla scoperta di uno straordinario patrimonio bibliografico, che spazia dagli incunaboli cinquecenteschi a libri più recenti, ma non meno preziosi. Una testimonianza della ricchezza culturale della nostra città.

Saranno gli stessi studenti del Collegio ad accompagnare i visitatori, illustrando dettagli e curiosità della biblioteca e del suo preziosissimo contenuto.

 

Villa Passalacqua | Via Besana 59 Moltrasio (CO)
Sabato 23 marzo > 10:00 -17:00 (ultimo ingresso)
Domenica 24 marzo > 10:00 -17:00 (ultimo ingresso)

Un interno di Villa Passalacqua

La villa iconica per eccellenza: imponente e sfarzosa, si affaccia sul Lago, dominandolo. Apprendisti Ciceroni saranno gli studenti del Liceo Galileo Galilei di Erba: con loro faremo il viaggio nella storia di questa villa che ha ospitato personaggi illustri, attraverso i secoli.

Da Winston Churchill, a Carlo Porta, a Vincenzo Bellini – che qui visse – fino a Napoleone Bonaparte: nessuno ha saputo resistere all’incanto di questo luogo magico.

Nota per la visita: e’ consigliabile raggiungere la Villa via lago o via bus; non ci sono parcheggi nella zona e il fine settimana la strada è molto trafficata. Unico accesso alla Villa, dal cancello via lago. Non c’è alcun accesso per i disabili.

 

Tenuta de L’Annunziata | Via Dante Alighieri 13 Uggiate Trevano (CO) Domenica 24 marzo > 10:00 – 17:30 (ultimo ingresso)

Tenuta dell’Annunziata

Alcuni ritrovamenti fanno risalire i primi insediamenti dell’area all’età romana, anche se l’attuale costruzione è il risultato di una serie di abbellimenti e rifacimenti settecenteschi.

I ragazzi dell’Istituto Superiore Giuseppe Terragni di Olgiate Comasco saranno gli Apprendisti Ciceroni per questo inedito bene, ne racconteranno il passato e il presente con l’ausilio di supporti multimediali.

Nota per la visita: la tenuta è raggiungibile solo in auto, nel caso in cui i parcheggi interni dovessero terminare, la Tenuta mette a disposizione un servizio navetta dal cancello di entrata alla reception, ma è necessario parcheggiare fuori in Uggiate. L’accesso al bene è consentito ai disabili.

I partecipanti alle visite potranno pranzare a un prezzo convenzionato.

BENI FAI:

Villa del Balbianello – Via Guido Monzino, 1, 22016 Tremezzo CO

23-24 marzo 10 -18 (ultimo ingresso ore 16.00)

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell’orario di chiusura indicato

Note per la visita: gli interni della villa sono visitabili solo dagli iscritti FAI. I non iscritti potranno visitare solo il giardino. Ultima visita della villa alle ore16 secondo disponibilità. Ultimo ingresso al parco ore 17.

Contributo suggerito a partire da: € 5,00

Visite a cura degli apprendisti Ciceroni; Fondazione Minoprio; Cooperativa “Il Gelso del Lavedo”; Larius Experiences.

Valsolda, Fraz.Oria | Villa Fogazzaro-RoiVia Antonio Fogazzaro, 14 

23 e 24 marzo 10 – 18 (ultimo ingresso ore 17.00)

Le visite in villa sono sempre accompagnate dalle guide interne alla villa. Durata della visita circa 30 minuti.
Contributo suggerito a partire da 5 euro. Prenotazione obbligatoria.

Iniziative speciali – domenica 24 marzo (10-18)

Per l’occasione gli Apprendisti Ciceroni dell’istituto “Vanoni” di Menaggio accompagneranno i visitatori in arrivo a Villa Fogazzaro alla scoperta delle altre importanti realtà territoriali, beni artistici e architettonici, tra cui i borghi suggestivi della valle e le chiese principali di San Martino nel borgo di Castello e chiesa di Santa Maria Annunciata nel borgo di Albogasio Inferiore.
Note per la visita: I posti auto del parcheggio sono limitati.

Lasciate l’auto a Porlezza ed iniziate un viaggio a ritroso nel tempo e attraverso viottoli e viuzze rimaste immutate nei secoli riscoprirete atmosfere dimenticate ed ammirerete i panorami romantici di questo luogo incantevole. L’itinerario comincia col trasferimento in battello da Porlezza ad Oria, dove sarete accolti dai ragazzi che vi guideranno nella vostra visita ai borghi della Valsolda.

Domenica 24 marzo servizio battello da Porlezza a Oria – Villa Fogazzaro Roi, (durata navigazione 25 minuti circa). Ore: 11.00 / 13.00 / 14.00 / 15.00 / 16.00 Partenza battello dal pontile di Porlezza per Oria Ore: 11.30 / 13.30 / 14.30 / 15.30 / 16.30 Partenza battello dal pontile di Oria per Porlezza Tariffa adulti:€ 14,00 (andata e ritorno) Tariffa ridotta ragazzi (6-16):€ 7.00 (andata e ritorno) Acquisto del biglietto sul battello (pagamento in contanti o carta di credito).

Valsolda primavera nei borghi – progetto FAI-Apprendisti ciceroni

Venite a scoprire l’incanto dei borghi della Valsolda con i ragazzi dell’Istituto Vanoni di Menaggio che aderiscono al Progetto FAI – Apprendisti Ciceroni e che vi guideranno lungo un percorso a tappe da Oria a Castello.

Prima tappa: Oria

Visita guidata al borgo di Oria, chiesa di San Sebastiano, Orto di Franco di Villa Fogazzaro Roi.

Sarà inoltre possibile visitare la Villa aperta in occasione delle Giornate FAI di Primavera

Trasferimento a piedi ad Albogasio Inferiore (10 minuti)

Seconda tappa: Albogasio Inferiore

Visita guidata alla chiesa dedicata all’Annunciazione.

Nel vicino ex asilo voluto dal Fogazzaro e dedicato ai Genitori sarà possibile gustare un piatto caldo a cura della Pro Loco di Valsolda.

Trasferimento a piedi ad Albogasio Superiore (10 minuti)

 Terza tappa: Albogasio Superiore

Visita guidata ad una delle più antiche chiese della Valle, S. Ambrogio

Trasferimento in pulmino a Castello (10 minuti)

Quarta tappa: Castello

Visita guidata al borgo ed alla Chiesa di San Martino che, grazie al capolavoro del pittore Paolo Pagani è nota anche come la Cappella Sistina della Lombardia.

Qui sarà possibile visitare anche il Museo Casa Pagani che annovera alcune significative opere del grande pittore valsoldese.

Rientro in pulmino ad Oria e trasferimento in battello a Porlezza.

Hanno contribuito all’apertura dei beni:

Collegio Gallio

– Istituto Caio Plinio di Como

– Liceo Galileo Galilei di Erba

– Istituto Superiore Giuseppe Terragni di Olgiate Comasco

– Istituto Vanoni di Menaggio

– i fotografi del Gruppo Fotografico La Pesa di Cantù

– gli apprendisti ciceroni

– i volontari della delegazione

– Fondazione Minoprio; Cooperativa “Il Gelso del Lavedo”; Larius Experiences

– le guide delle Ville (Villa Pizzo, Villa del Balbianello e Villa Fogazzaro Roi)

– i sindaci dei comuni patrocinanti

– proprietari e gestori del beni

IMPORTANTE: Prima di recarsi a visitare i luoghi è opportuno verificare sul sito web eventuali modifiche di orari di apertura, variazioni di programma in caso di condizioni meteo avverse o imprevisti e la possibile chiusura anticipata delle code a causa della grande affluenza di pubblico.

Le Giornate FAI di Primavera, oltre a essere un momento di incontro prezioso ed emozionante tra il FAI e la gente, sono anche un’importante occasione di condivisione degli obiettivi e della missione della Fondazione. Tutti possono dare il loro sostegno attraverso l’iscrizione annuale (vale tutto l’anno per avere sconti, omaggi e opportunità e in occasione delle Giornate FAI di Primavera permette di godere di ingressi dedicati e accessi prioritari), oppure con un contributo facoltativo, preferibilmente da 2 a 5 euro, che verrà richiesto all’accesso di ogni luogo aperto o ancora con l’invio di un sms solidale al numero 45584, attivo fino al 31 marzo 2019. Si potranno donare 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce e Tiscali. La donazione sarà invece di 5 euro per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze e PosteMobile e di 5 e 10 euro per le chiamate da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali.

Per il quinto anno consecutivo le Giornate FAI di Primavera chiudono la Settimana dedicata dalla Rai ai beni culturali in collaborazione con il FAI. Dal 18 al 24 marzo, infatti, la Rai racconterà luoghi e storie che testimoniano la varietà, la bellezza e l’unicità del nostro Paese: una maratona televisiva e radiofonica di raccolta fondi a sostegno del FAI, per sensibilizzare sempre più italiani sul valore del nostro straordinario patrimonio artistico e paesaggistico e per promuoverne la partecipazione attiva. La Settimana Rai per i beni culturali è realizzata con il Patrocinio di Rai – Responsabilità Sociale e con la Media Partnership di TG1, RAINEWS24, RAI TGR e RADIO1 che assicureranno ampia informazione e una copertura capillare.

Le aperture dell’edizione 2019 di Giornate FAI di Primavera sono rese possibili grazie al fondamentale contributo di importanti aziende: Ferrarelle, acqua ufficiale del FAI e Partner dell’evento, da otto anni prezioso sostenitore dell’iniziativa e presente con il suo Parco Sorgenti di Riardo nella lista dei luoghi visitabili nelle due giornate. Banca Generali, realtà leader in Italia nel private banking, sostenitrice dell’evento per il sesto anno consecutivo affiancata da Enel, entrambe in qualità di Main Sponsor. Rekeep, principale gruppo italiano attivo nel facility management e amico del FAI dal 2018, che sostiene l’evento in qualità di Sponsor. Gruppo Gabrielli, realtà della Grande Distribuzione Organizzata del centro Italia con i marchi Oasi, Tigre e Tigre Amico, rinnova il suo sostegno all’evento per le regioni Marche e Abruzzo. DHL Express Italy, che per il quinto anno consecutivo in qualità di Logistic Partner, garantisce la movimentazione di tutti i materiali nei siti delle Giornate FAI di Primavera.

La 27ª edizione delle Giornate FAI di Primavera ha ricevuto la Targa del Presidente della Repubblica quale premio di rappresentanza e si svolge in collaborazione con la Commissione Europea e con la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile, con il Patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali, di tutte le Regioni e le Province Autonome italiane, di Rai Responsabilità Sociale e con la Media Partnership di TG1, RAINEWS24, RAI TGR e RADIO1.