Galleria Ramo di via Natta a Como presenta la mostra del coreano Hyun Cho

0
1180
una delle opere esposte a Galleriaramo

Debutta la mostra

DOES FLUXUS STILL EXIST?
HYUN CHO
16.03.19 – 12.05.19
Vernissage 16.03.19/17:00

alla Galleria Ramo di via Natta 31 a Como

Hyun Cho (classe 1982, Corea del Sud) usa scultura, linguaggio, luce e oggetti
cinetici per creare le sue opere. Sperimenta idee di rappresentazione e
riappropriazione usando oggetti trovati e creando assemblaggi scultorei che
formano gesti minimalisti.

una delle opere esposte a Galleria Ramo

Fluxus esiste ancora? – il titolo della mostra che porta le forme scultoree
assemblate da Cho all’interno delle mura della Galleria Ramo, esplora il suo
assoluto uso interdisciplinare degli strumenti, l’abolizione delle regole
compositive classiche, l’importanza data al processo creativo e l’integrazione
radicale tra arte e vita . Un gioco di parole sul movimento Fluxus nato negli
anni ’60, che si concentrava sul processo artistico piuttosto che sul prodotto
finito. La ricerca di Cho sugli oggetti trovati e la combinazione del linguaggio
si rifà al movimento Fluxus, tuttavia, reinventandolo in una forma di
espressione corrente/attuale rendendo i materiali nelle sue opere il concetto
della sua pratica artistica.

Interrogando l’apparente significato originale degli oggetti di tutti i giorni,
Cho utilizza la tecnologia e stimoli visivi (come se le sue sculture fossero
vere e performanti) per esplorare ed espandere le sue percezioni del suo
ambiente e del suo processo artistico. Scherza con parole umoristiche come
“hunky, funky, junky” e allo stesso tempo riflette sull’attuale iconografia
urbana e popolare, creando singoli o possibili avvertimenti. Concentrandosi su
alcune sottoculture (cultura giovanile, punk / subculture alterativa, ecc.) in
una forma non nostalgica le consente di essere più investita
nell’ingegnerizzazione del significato e della comprensione. Cho riesce a creare
un set in cui l’arte diventa vita.

Hyun Cho ha completato un Bachelor of Fine Arts all’Università di Sydney in
Australia e un Master of Fine Arts alla Parsons The New School for Design di New
York. Le mostre personali di Cho includono; Smoking Channel, Edicola Radetzky,
Milano, CODICE È WATER, DISPLAY, Parma nel 2018, “Midnight Deli”, Open Space
Baltimore, MD nel 2016, “YAYAYA”, Conduits Arts, Melbourne, Australia nel 2014 e
“Rocking On Empty” , Fowler Project Space, NY nel 2013. Ha partecipato nello
scorso anno a Palazzo Monti Residency. Ha collaborato a mostre collettive a
Lastik, Istanbul, Sleep Center, New York NY, The Gateway Project, Newark NJ, 127
Halsey Street, Newark NJ, Skunkworks Art Space, Sydney Australia, APT16
Artspace, Newark NJ e Calico, Brooklyn NY.

http://www.galleriaramo.com/