Gabrielloni rianima il Como: a Cittadella è 2-2!

Pubblicato il

I lariani soffrono le assenze e l’intensità degli avversari, vanno sotto 2-0 ma pareggiano grazie al gol del numero 9 e al rigore di La Gumina

Un punto che sembrava irraggiungibile a metà secondo tempo ma che il Como riesce a portare a casa in extremis da Cittadella. Il pareggio di oggi permette di andare a +7 dal quartultimo posto ma, soprattutto, dà una grande iniezione di fiducia: per come si era messa la partita, non perdere è stata una vera e propria impresa. Nota di merito al pubblico lariano: la squadra ha giocato praticamente in casa, e di mercoledì sera non è affatto scontato.

Como senza Gori, Varnier, Chajia, Cagnano e Cerri: tutti potenziali titolari. Arrigoni invece va in panchina per turnover, al suo posto Kabashi. Eppure l’inizio è positivo, tanto che al 4′ La Gumina colpisce l’ennesimo palo della stagione biancoblu. Al 6′ però ecco un episodio più importante di quanto sembri: Ioannou prende una gran botta sul naso ed è costretto a uscire. Gattuso ha pochissime alternative e sceglie Luvumbo, spostando Vignali terzino sinistro e Iovine terzino destro. Ma la squadra, già sconvolta dalle assenze, non digerirà bene questo schieramento e non sarà più pericolosa per un’oretta abbondante. Il Cittadella, dinamico e ben messo in campo, ne approfitterà segnando due reti. Al 14′ ancora una volta la fortuna volta la faccia al Como: difesa mal posizionata, Baldini a centro area vince un rimpallo con Iovine, si ritrova il pallone tra i piedi e fredda Facchin. E pochi secondi dopo l’inizio del secondo tempo arriverà il raddoppio con Branca, di testa, dopo una strepitosa azione tutta di prima. Encefalogramma piatto per il Como: da segnalare le brutte prove di Kabashi e Luvumbo, ma anche Gliozzi oggi ha dato poco.

Al 60′ entrano Arrigoni e Gabrielloni, più o meno contestualmente il Cittadella inizia a tirare il fiato e la partita cambia. Prima l’1-2 viene sfiorato da La Gumina, poi viene trovato da Gabrielloni di testa su assist di Iovine. Siamo al 75′ e il numero 9 esulta come un matto per il suo primo gol in Serie B: non sarà l’unico, ne siamo sicuri. L’inerzia della partita è ormai passata dalla parte dei Gattuso Boys: Gabrielloni propizia un’altra azione ma La Gumina (buona prestazione ma poco lucido sotto porta) fallisce clamorosamente il pareggio. Al 91′ l’episodio che ci voleva: l’ottimo Solini guadagna un rigore anticipando Okwonkwo e lo stesso La Gumina segna completando una rimonta tutta cuore. Nell’esultanza l’ex Palermo mostra la maglia di Chajia, che a meno di recuperi-lampo tornerà la prossima stagione.

Domenica al Sinigaglia arriverà il Pisa secondo in classifica. Cerri ci sarà, ma le assenze saranno ancora tante. E questo punticino calza proprio a pennello!

 

Potrebbe interessarti

Le statue di Rosa e Olindo a Erba: il significato dell’opera di Nicolò Tomaini

Rosa Bazzi e Olindo Romano nella notte a Erba. Ma non si tratta di...

Lakes Rally Trophy 2024: si riparte dal rally dei Laghi

La seconda edizione del Lakes Rally Trophy è pronta ad aprire il sipario su...

Ospedale Sant’Anna, maxi investimento per aumentare i posti letto in terapia intensiva neonatale

Novità al Sant'Anna. Concluse le fasi di preparazione, i lavori nella Terapia Intensiva Neonatale,...