Disabilità e ricerca di una vita autonoma: all’Insubria un convegno online con sessanta relatori

0
766
Ph Carlo Meazza

Più di sessanta relatori riuniti virtualmente per parlare delle disabilità cognitive e relazionali. Il convegno «La ricerca di vita autonoma», organizzato dal Centro internazionale Gianfranco Brebbia, patrocinato e coordinato dall’Università dell’Insubria e realizzato in collaborazione con la Commissione europea, si svolgerà il 15 e il 16 ottobre. La cabina di regia delle due intense giornate, interamente gratuite e riconosciute per l’accreditamento Ecm, sarà nell’aula magna dell’ateneo a Varese. Alcuni relatori saranno in presenza, altri e il pubblico a distanza, tutti saranno collegati in diretta streaming su Facebook.

Quinta edizione

Si preannuncia dunque come un vero evento, sia per i contenuti che per le modalità, questa quinta edizione del convegno nato nel 2009 con il titolo «La persona Down» e cresciuto negli anni fino a toccare ora uno spettro più ampio di argomenti, come l’autismo e i disturbi specifici dell’apprendimento, con l’obiettivo di mettere in campo idee per l’autonomia della persona. Come spiega Giovanna Brebbia, medico e organizzatore, «è un momento di riflessione per individuare nuovi percorsi di crescita per i soggetti più fragili, che a causa della pandemia hanno visto sbarrati percorsi riabilitativi e inclusivi»

Il commento del rettore dell’Insubria 

Un plauso all’iniziativa arriva dal rettore dell’Insubria Angelo Tagliabue: «La ricerca scientifica per l’autonomia delle persone con disabilità è un primo importante passo per superare i limiti dell’indifferenza. Ed è una grande opportunità per il nostro ateneo ospitare sessanta esperti capaci di creare una sinergia via web, offrendo un laboratorio di idee e innovazione».

Darà il proprio contributo con una video-testimonianza il regista Giacomo Campiotti, autore del successo televisivo «Braccialetti rossi» e della recente serie «Ognuno è perfetto», dedicata proprio alla tematica del convegno. Altra presenza importante nel programma è quella di Carlo Meazza dalla quale sono tratte le bellissime immagini a corredo dell’iniziativa.

Quando

Giovedì 15 ottobre

Il convegno si apre giovedì 15 ottobre alle ore 9 con una introduzione di Giovanna Brebbia, il saluto del rettore Angelo Tagliabue, un intervento di Massimo Gaudina in rappresentanza della Commissione europea e una prolusione del professor Fabio Minazzi sul tema «La ricerca scientifica e il suo valore: conoscenza, libertà e moralità».  A seguire una sessione internazionale, novità assoluta rispetto le precedenti edizioni, dedicata alle iniziative messe in campo dall’Unione e dalla Commissione Europea in materia di disabilità, con contributi di Maurizio Molinari, Patricia Peréz-Goméz e Victoria Soriano. Il tema in discussione è poi affrontato sotto il profilo medico-pediatrico con numerosi specialisti, tra i quali i docenti Lucia Tettamanti e Cristiano Termine, con Massimo Agosti e Giorgio Rossi nel ruolo di moderatori.

Nella sessione pomeridiana del 15 ottobre si parla dell’importanza della cultura del rispetto verso l’altro con la psicologa Eugenia Trotti, ma anche dell’isolamento sociale dal punto di vista storico con la docente Katia Visconti. Non mancano gli aspetti legislativi, che regolano i rapporti tra Terzo settore e la pubblica amministrazione, a cura di Emanuele Boscolo.

Sempre il 15 ottobre, un focus moderato da Giuseppe Carcano, con la partecipazione dell’assessore comunale ai Servizi educativi Rossella Dimaggio, è dedicato ai possibili progetti da mettere in campo a scuola per i disturbi dell’apprendimento e alla valorizzazione dei soggetti più fragili. Infine spazio all’arte, come nella tradizione del convegno, con un intervento di Vittoria Broggini, curatrice del Museo Maga di Gallarate, sui percorsi della diversità.

Venerdì 16 ottobre

Venerdì 16 ottobre si approfondiscono i temi della riabilitazione e del lavoro con lo specialista di neurologia Jorge Navarro Solano, la professoressa di bioingegneria Simona Ferrante e l’analisi di Roberto Molinari, assessore ai Servizi sociali del comune di Varese. Mentre la responsabile Cfpil Anna Sculli e Marco Russo, direttore provinciale di Cesvip Lombardia, trattano il tema dei tirocini formativi come strumento per avvicinare le persone al mondo del lavoro.

Dalle 14.30 del 16 ottobre il tema disabilità viene analizzato sotto il profilo architettonico e storico-artistico attraverso il contributo di Elena Brusa Pasquè, presidente dell’Ordine degli Architetti di Varese, e di Anna Bernardini, direttrice di Villa Panza che parla di Bob Wilson da un insolito punto di vista. A seguire il pianista Fabio Sioli pone attenzione sull’importanza della musica come mezzo di libera espressione. È poi in programma la preziosa testimonianza del regista varesino Giacomo Campiotti, con un video registrato in cui è intervistato dal direttore di Rete55 Matteo Inzaghi, e quella di Carlo Meazza, che dialoga in diretta streaming con il giornalista Diego Pisati. A conclusione delle due giornate un approfondimento sullo sport come strumento di inclusione e di benessere per tutti, a cura di Linda Casalini della Fisdir e altri relatori esperti.

Informazioni sull’evento

Il convegno è gratuito e interamente in diretta streaming sul sito https://www.uninsubria.it/ricercavitaautonoma

Per la registrazione e l’accreditamento Ecm: https://fad.summeet.it

Per ulteriori informazioni: eventi@gianfrancobrebbia.it