Dall’8 novembre un intenso weekend per il Teatro San Teodoro di Cantù

0
813
Stabat Mater (credit Lucia Meregazzo)
Dall’8 all 11 novembre arrivano una serie di appuntamenti relativi a più discipline al Teatro San Teodoro, che inizia il mese ampliando il suo ricco ventaglio di proposte artistiche e di intrattenimento
ecco nel particolare il calendario degli eventi:
GIOVEDI’ 8 NOVEMBRE – ORE 21 
STABAT MATER – Premio Hystrio-Scritture di Scena 2017 (Stagione Prosa e Danza)
Scritto e diretto da Liv Ferracchiati
una foto di scena di Stabat Mater (credit Lucia Meregazzo)
In Stabat Mater, secondo capitolo della Trilogia sull’Identità, viene raccontata la vicenda di Andrea: un trentenne, scrittore, uomo di cui si possono notare gli aspetti più ordinari nonostante egli stia vivendo una situazione straordinaria. Tale straordinarietà consiste nel vivere al maschile quando tutti, almeno inizialmente, osservino come il suo corpo abbia sembianze femminili
Il tema centrale è l’emancipazione dalla madre, la difficoltà di diventare adulti. Anche in questo spettacolo vengono messe in discussione le certezze a cui ci appigliamo per non cadere in un territorio che potrebbe sfuggire al nostro controllo. 
La direzione dell’attore si fonda sullo sforzo costante di una ricerca dell’autenticità, è una sorta di seconda partitura testuale fatta di pause, relazioni, ritmi martellanti o blandi, dinamiche emotive ogni volta rinnovate dall’ascolto dell’unicità del momento, una parola recitata come smozzicata che alterna, esattamente come la drammaturgia del testo, momenti di quotidianità esasperata a invenzioni che la vanno ad alterare.
Liv Ferrachiati
“Un raro esempio di riuscita commedia italiana dal sapore anglosassone. All’interno di una struttura drammaturgica complessa e gestita con mano ferma, spiccano dialoghi credibili e incalzanti, ricchi di una destrezza ironica che ricorda il primo Woody Allen. Ne è protagonista Andrea, «un uomo in corpo di femmina, e anche uno scrittore”, del quale il testo esplora un immaturo attaccamento alla madre e una propensione nevrotica a sedurre. Con uno sguardo lucido e spietato sulla solitudine e, forse, sull’egoismo indispensabili a conquistarsi una piena autonomia”.
Motivazioni della Giuria | Premio Hystrio-Scritture di Scena 2017 a Stabat Mater di Liv Ferracchiati
Stabat Mater (credit Lucia Meregazzo)


La Trilogia sull’Identità è il racconto di storie ordinarie in cui il transgenderismo non è l’unico centro. Trattare il tema dell’identità di genere significa interrogare la nostra natura di esseri umani, sollevando interrogativi universali e culturali. La ricerca dei materiali per questo progetto inizia nel 2013 e si è arrivati alla conclusione che la transizione è, prima di tutto, un percorso mentale verso la costruzione dell’identità di un individuo. I cambiamenti fisici, seppure fondamentali per alcune persone transgender, non sono il fulcro della questione e, a poco a poco, non sono più state nemmeno il fulcro dell’indagine. 


Al termine dello spettacolo è previsto un momento di confronto con il regista e autore Liv Ferracchiati.
 
 
VENERDI’ 9 NOVEMBRE – ORE 21 
WINTER STORIES (Stagione Electroclassic)
con Fabrizio Paterlini
 
A meno di un anno dall’uscita del suo ultimo album, Fabrizio Paterlini approda al LakeComo International Music Festival presentando Winter Stories e numerosi di brani che lo hanno reso celebre nel mondo.
Con centinaia di migliaia di streaming mensili, Fabrizio Paterlini e il suo stile minimalista e neo-romantico che combina il pianoforte con l’elettronica ci regaleranno una serata all’insegna dell’emozione e della creatività.
 
Stagione Electroclassic: Amadeus Arte e LakeComo International Music Festivall inaugurano una nuova collaborazione con Mondovisione e il Teatro San Teodoro di Cantù. Tre appuntamenti legati a musicisti che trattano il suono in maniera magica e senza rinchiudersi in nessun genere predefinito. Contaminazione ed ecletticità distinguono questi musicisti che interpretano se stessi e ampliano i propri strumenti con l’elaborazione del suono in tempo reale, l’uso dei loop, di materiale elettronico di varia natura e provenienza.
il pianista Fabrizio Paterlini
 
 
SABATO 10 e DOMENICA 11 NOVEMBRE
BURLESQUE FESTIVAL PARTY IV EDIZIONE – Gemellato con il Festival du Burlesque de Toulouse (Francia)
organizzato da Mizi Mia Grand Ame
 
Burlesque Festival Party è l’unico l’evento di Cabaret Burlesque in Italia che vede unite due nazioni (Italia e Francia) a sostegno di quest’arte. L’evento è infatti gemellato con il Festival du Burlesque de Toulouse, grazie alla preziosa collaborazione con la sua presidentessa Lady Flore (Fondatrice del Festival du Burlesque de Toulouse). 
Artisti professionisti ed amatoriali, provenienti da tutta Europa, si esibiranno in un Free Contest condividendo la grande passione per il Cabaret Burlesque e permettendo al pubblico di immergersi in un’atmosfera vintage, ironica ed onirica. 

Il Burlesque Festival Party porterà sul palcoscenico del Teatro San Teodoro grandi ospiti internazionali che, nel corso della manifestazione, terranno lezioni e workshop, aperti a tutti (previa iscrizione via mail: staff@burlesquefestivalparty.it)
La manifestazione è organizzata da Mizi Mia Grand Ame e il suo team formato da Francesca Cristofoli (coreografa – Bring The Noise), GolDen DinDin (cantante – performer) e Lady Pink Delicious (super assistente del BFP). 
La peculiarità di questo festival sta nello stile del cabaret dei tempi che furono, fuso all’arte teatrale più moderna.Tutte le storie portate in scena sono raccontate con ironia. 
Le emozioni sono il punto focale dello show dalle quali il pubblico viene inghiottito… é proprio qui che si riconosce la firma di Mizi Mia Grand Ame. 
Mizi Mia Grand Ame con una collega



“Burlesque Cabaret per me è un viaggio, cortometraggio da palcoscenico. Mi sento da sempre una viandante ed il burlesque è esplorazione, la concessione di un vagare nei meandri più vari di me stessa, dai più oscuri ai più leggeri, divertenti e comici. Prendo spunto da qualsiasi cosa attragga la mia attenzione, da tutte le mie emozioni e mi concedo di esprimerle estendendomi fino al palco per comunicarle.
Mettiamola così: il Burlesque è per me uno zaino colmo di cose che raccolgo”.
Mizi Mia Grand Ame
ideatrice Burlesqu
e Festival Party