Cosa determina il successo di Tik Tok, scopriamolo insieme

1081
Tik Tok

Apriamo questa nuova rubrica dedicata al mondo tecnologico parlando proprio del social più discusso del momento: Tik Tok.

Tik Tok inizia la scalata al successo molto prima di prendere questo nome.

Musical.ly Inc, questo il nome originario di questa piattaforma, fondata in Cina nel 2015 da Alex Zhu e Luyu Yang.

Passano un paio di anni e nel settembre del 2017 viene acquistata dall’azienda cinese ByteDance, che già possedeva una piccola piattaforma poco usata chiamata tik tok. Approfittando del maggiore successo di Musical.ly, l’azienda decide di unire le due piattaforme, mantenendo però Tik Tok come nome.

È nell’agosto 2020 che TikTok ha superato 1 miliardo di utenti in tutto il mondo e proprio grazie alla pandemia si ritrova con una crescita esponenziale in meno di quattro anni.

Ma che cosa ha di preciso questa piattaforma per attirare così tanto pubblico?

Una delle qualità è sicuramente la brevità dei contenuti. Il livello d’attenzione è risaputo scendere molto rapidamente e la creazione di una piattaforma che crea video di massimo 30 secondi, in media 15, risolve questo problema, annoiando molto difficilmente gli utenti.

Un altro punto forte è la possibilità di usare spezzoni di brani famosi senza violarne il copyright. Proprio perché Tik Tok non permette l’ascolto della canzone per intero, non lede il mercato discografico, ma piuttosto promuove i brani e per questo è usato oggi anche da moltissimi artisti.

Ma questo social non è limitato al mondo della musica, è facile caricarvi audio di ogni tipo che gli utenti reinterpretano spesso anche in maniera comica.

Una delle cose che più piace all’utenza di Tik Tok è sicuramente il suo algoritmo. Questo social ha una home che ti propone video a rotazione basandosi sui tuoi interessi, calcolati in base alle tue interazioni e like.

Questo crea community in automatico all’interno del social, portando gli utenti a interagire più spesso non solo con contenuti interessanti, ma anche con persone che condividono i propri interessi.

L’algoritmo è proprio il motivo per cui così tanti ragazzi sono attivi su questo social. Rispetto ad altre piattaforme è molto facile diventare virali. La possibilità di essere influencer è sicuramente un fattore che determina in maniera incisiva il suo utilizzo, considerato che è ormai il lavoro del momento.

Ma Tik Tok è pericoloso per i bambini?

Partiamo dal presupposto che nessun social network dovrebbe concedere l’accesso ai bambini, poiché più facilmente influenzabili e ancora privi della capacità di discernere contenuti positivi e negativi. Tik Tok è una piattaforma internazionale e per potersi assicurare che il suo utilizzo non venga limitato da qualche mercato nazionale, effettua controlli tramite algoritmo e segnalazione degli utenti per confermare che tutti i contenuti rispettino sempre le linee guida.

Quindi la risposta è che non è una piattaforma pericolosa in toto, tanti ragazzi sono stati influenzati positivamente dai principali trend di ballo e hanno portato tantissimi giovani ad esercitarsi e muoversi nonostante l’impossibilità di uscire di casa. Questa sì è una nota positiva portata dalle nuove tecnologie.