Coronavirus, da domani (3 giugno) riaprono le regioni. Ecco cosa si potrà fare

0
1049

Da domani, mercoledì 3 giugno, ci si potrà spostare all’interno della penisola da una regione all’altra senza dover più giustificare gli spostamenti.

Non serve l’autocerficazione

Non sarà più necessario alcun modulo di autocertificazione.

Che cosa non si può fare? Rimane il divieto di assembramenti, di togliere la mascherina nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico e sui mezzi di trasporto.

Resta anche l’obbligo del distanziamento sociale e la quarantena per chi ha infezioni respiratorie con febbre o la temperatura corporea superiore ai 37.5 gradi.

Stazioni e aeroporti

Nelle stazioni e negli aeroporti verrà rilevata la temperatura corporea ai cittadini che si accingono a partire.

Mantenere la distanza di un metro all’aperto

Bisognerà mantenere la distanza di un metro tra le persone anche all’aperto. La regola non vale per chi vive sotto lo stesso tetto. Resta naturalmente vietato qualsiasi tipo di assembramento. Si possono ancora incontrare gli amici fuori o a casa propria mantenendo sempre le distanze di sicurezza.

In auto

In macchina potranno viaggiare insieme gli appartenenti allo stesso nucleo familiare, altrimenti si potrà viaggiare insieme solo in due persone e con la mascherina.

Mascherine

La mascherina va indossata sempre in luoghi chiusi aperti al pubblico, sui mezzi pubblici e all’aperto quando non ci sono le condizioni per mantenere le distanze. Non è necessaria la mascherina quando si fa attività motoria.

Seconde case

A partire da domani si potrà raggiungere le seconde case in tutta la Penisola.