Nella notte del 20 gennaio gli agenti della Squadra Volante di Como sono intervenuti in un noto hotel in centro città a seguito di una segnalazione di tentata rapina giunta al 112 da parte di un addetto alla reception.

Quest’ultimo ha informato gli operanti che, poco prima, un cliente era entrato all’interno della struttura alberghiera. Aveva dichiarato di essere stato aggredito da una prostituta. La donna sedeva all’interno della hall dell’hotel.

L’uomo, un cittadino greco di 50 anni, residente a Varese ed incensurato, appariva palesemente in forte stato di ebbrezza alcolica. Gli operanti, cercando di ricostruire l’accaduto, hanno  interrogato anche la donna, una cittadina ucraina di 32 anni residente a Como ed incensurata. Costei, che presentava vistose escoriazioni sulla fronte, ha dichiarato di aver subito un tentativo di violenza sessuale da parte dell’uomo.

I poliziotti hanno così richiesto l’intervento del 118 per la donna che è stata successivamente visitata all’Ospedale S. Anna ed alla quale è stata stilata una diagnosi per “policontusioni e abrasioni”, con una prognosi di 10 giorni.

Gli operatori della Squadra Volante hanno quindi portato l’uomo in Questura, dove hanno  ricostruito con esattezza l’intera vicenda e, dopo aver informato dell’accaduto il PM di turno, hanno tratto in arresto il greco per tentata violenza sessuale e lesioni personali.

L’uomo è stato associato presso la casa Circondariale di Como.