Como, corsi di teatro per adulti con Teatro Gruppo Popolare

Pubblicato il

Con il contributo di Fondazione Cariplo, per il progetto La lingua svelata del presente, TeatroGruppo Popolare inizia un percorso di formazione e intrattenimento estivo per adulti. Il progetto si rende ancor più necessario per le misure anticovid, che hanno portato al lockdown e al distanziamento sociale, lasciando tutti a confrontarsi con l’isolamento, il multitasking tra smartworking e esigenze familiari, con orari a volte molto pesanti, e spesso senza più riuscire a ritagliare spazi per sé.

Il percorso di formazione e intrattenimento estivo per adulti ha difatti lo scopo di impegnare artisticamente persone che non hanno potuto ritagliarsi prima degli spazi di divertimento e crescita culturale. Non si tratterà di un percorso artistico-culturale tradizionale ma di una contaminazione tra questo e l’uso delle tecniche di videoripresa. In questo caso la tecnologia vuole essere fatta vivere in modalità educativa, a supporto della didattica teatrale e per rafforzare l’autoironia capace di abbattere le barriere inibitorie facilitando la crescita delle capacità espressive e della stima in sé.

Tre sono i corsi previsti a partire dal 15 giugno

1) Scrivere un radiodramma

In questo periodo in cui il corpo dell’attore è giocoforza sacrificato , in attesa di poter ritornare agli antichi fasti resta la voce per poter esprimere ancora teatro. Il radiodramma consente di poter raggiungere lo spettatore ancora in assoluta sicurezza, essendo un testo teatrale scritto per la radio e poter essere quindi diffuso in voce. Sono stati molti gli autori importanti che si sono cimentati con questo genere, da Samuel Beckett a Bertolt Brecht, da Massimo Bontempelli a Ottorino Respighi. Dopo averne affrontato brevemente le caratteristiche principali vogliamo giocare a scrivere insieme piccoli radiodrammi, per immaginarli recitati dagli attori che interpreteranno i personaggi nati dalla nostra penna.
Modalità: 6 incontri su Zoom in gruppi di cinque/sei persone. Il lunedì dalle 18.30 alle 20.30 a partire dal 15 giugno

2) Io ci metto la faccia

La voglia di comunicare è un bisogno primario dell’uomo, e i mezzi telematici odierni offrono a tutti la possibilità di poterlo fare raggiungendo un numero di persone fino a oggi inimmaginabile. Per farlo al meglio occorrono almeno due cose fondamentali: il contenuto della comunicazione, che possiamo immaginare sempre in forma di storie; e la capacità di farlo, che possiamo immaginare sempre sottoforma di divertimento, anche dovessimo raccontare vicende profonde e intense. E allora cerchiamo insieme cosa e come dirlo negli incontri pensati appositamente a questo scopo, con l’intento di arrivare vicino ai più accompagnandoli per alcuni momenti con l’ascolto di quello che per primi ha affascinato noi stessi e con le modalità migliori che riusciamo a trovare. Impareremo a raccontare e raccontarci attraverso la videoripresa, a creare video personalizzati da postare sui social o condividere tra amici.
Modalità: 6 incontri individuali su Zoom, di una ora l’uno. Dal 15 giugno: giorno e orario da concordare in fase di iscrizione

3) L’attore e il cantastorie

Tra le possibilità che avevano un tempo le storie per viaggiare e farsi conoscere nel mondo, c’era quella di camminare sulle spalle dei cantastorie. Andavano di paese in paese, di piazza in piazza a portare vicende lontane, finendo poi per farle riconoscere come proprie a tutti quelli che si accalcavano per ascoltarle. Il mestiere del cantastorie può essere oggi affrontato, per gioco e per esercizio recitativo, dagli attori o da chiunque voglia provare a raccontare con lo stile classico di chi ha ravvivato la fantasia del popolo per lungo tempo. Un modo divertente per essere attori, con la specificità tipica dell’affabulatore, un po’ ciarlatano, un po’ patetico e esagerato, ma che segna con il suo trascorrere di gente in gente il prototipo della vicinanza alle vicende umane.
Modalità: 6 incontri su Zoom in gruppi di cinque/sei persone. Il venerdì dalle 18.30 alle 20.30, a partire dal 19 giugno

Per informazioni e prenotazioni 347 6196431 -338 1013531 o [email protected]

Potrebbe interessarti

Carnevale di Cantù, salta anche la sfilata del 25 febbraio: come avere il rimborso

Un altro scherzo del maltempo e purtroppo la finale del Carnevale di Cantù prevista...

Incidente nella notte a Fenegrò, auto fuori strada ribaltata: paura per 3 giovani

Grande spavento questa notte alle 3.20 a Fenegrò in via Biella. Un'auto con a...

Forza il posto di blocco con una Mercedes svizzera: in auto armi rubate (e non solo)

Nel corso del pomeriggio di ieri 22 febbraio la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri...