Como 1907, un gran primo tempo non basta. Con l’Ascoli prima sconfitta

0
655

Il portiere ospite ferma i lariani nei primi 45′, nella ripresa i marchigiani passano su rigore: 0-1 finale

L’esordio in Serie B del nuovo Sinigaglia non porta bene. Prima sconfitta stagionale per il Como, che contro l’Ascoli – ancora a punteggio pieno, 3 vittorie su 3 – non sfigura ma viene punito da un episodio. Gattuso ha mandato in campo dall’inizio Varnier e Vignali, confermando il resto della formazione vista a Lecce. E nel primo tempo i lariani giocano in maniera davvero eccezionale: trame di gioco da applausi, tantissime occasioni create, avversario praticamente annullato. Il gol però non arriva, soprattutto per la bravura del portiere bianconero Leali (miracoloso su Chajia, Cerri e La Gumina). Nella ripresa la squadra di Gattuso cala, si rende pericolosa solo con una fiammata di Chajia e deve fronteggiare un Ascoli ancora poco pericoloso ma senz’altro più intraprendente. E al 73′ gli ospiti trovano il vantaggio: Dionisi riceve palla appena fuori area, Scaglia esce su di lui, il 9 verticalizza per Maistro su cui scala Vignali, ma l’ex Spezia sbaglia il timing del contrasto nella propria area e l’arbitro fischia un rigore che ci sta. Sul dischetto Dionisi: Gori si butta dalla parte giusta ma riesce solo a sfiorare. La reazione del Como è discreta, il subentrato Gliozzi sfiora il pareggio di testa ma i tre punti prendono la via delle Marche.

Tanti applausi e zero punti per il Como, che sembra aver già trovato una chiara identità di gioco ma che fatica a portare a casa i risultati che meriterebbe. Cosa sta mancando? Forse un po’ di fortuna, forse un po’ di esperienza, forse Cerri e La Gumina non hanno ancora la fiducia che serve per bucare la porta dopo qualche annata negativa. Forse, semplicemente, bisogna mettersi in testa che l’unico vero obiettivo è mettersi dietro cinque squadre. Peccato perché oggi senza l’occasione del rigore, in cui tutta la fase difensiva si è fatta sorprendere, c’era la possibilità di muovere ancora la classifica. Che al momento recita 2 punti in 3 partite. C’è da pedalare, già dal prossimo appuntamento di venerdì contro il Frosinone, ancora al Sinigaglia.