Como 1907, pareggio allarmante contro il Benevento

Pubblicato il

I ragazzi di Gattuso beneficiano di un rigore e della superiorità numerica, ma subiscono subito l’1-1 e non tirano mai in porta: ancora niente vittoria

Gattuso aveva auspicato un po’ di fortuna e la fortuna è arrivata. Ma non è comunque bastata al Como per trovare la prima vittoria stagionale e nemmeno per tirare in porta. A questo punto c’è da aprire una seria riflessione su come proseguire la stagione in Serie B.

Certo, il Benevento è un avversario di valore superiore, che ambisce alla Serie A. Ma oggi ha regalato al Como prima la superiorità numerica (al 18′ espulso Glik per fallo da ultimo uomo su Cerri) e poi il vantaggio (rigore-omaggio di Tello, entrato in ritardo su Vignali, e segnato da Cerri al 34′). Ebbene, neanche in questa situazione favorevolissima si è riusciti a portare a casa i tre punti. Varnier nel finale di primo tempo ha pensato bene di contraccambiare servendo un assist a Lapadula, che ha pareggiato. E il risultato non è più cambiato fino al 90′: il Como, 72′ undici contro dieci, ha fatto la bellezza di un tiro in porta. Su rigore. Nel primo tempo si è visto qualcosa di buono: l’ottimo approccio iniziale, i lanci profondi per lo scatto di Cerri, i cambi di gioco a cercare Iovine, un centrocampo più solido con Arrigoni al posto di H’maidat. Ma dal gol di Cerri in poi, i biancoblu non hanno mai creato problemi a Paleari e hanno mancato una vittoria che, per come si era messa, si poteva perlomeno sfiorare. Invece nel finale sono stati i sanniti ad avvicinarsi al colpaccio.

Ci sono problemi in ogni reparto. Manca il movimento giusto, la lettura giusta, sia nell’area avversaria che nella propria. E le cose sono due: o la rosa è inadeguata o l’allenatore non la sta valorizzando. O probabilmente sono vere entrambe le tesi. Forse Jack, allenatore coi suoi pregi e i suoi difetti, aveva bisogno di una squadra più sicura, consapevole, di categoria, e di meno giocatori in cerca di rilancio. Una cosa è sicura: pareggi come questo sono più preoccupanti di certe sconfitte. E continuando così l’unico rimedio possibile sarà un cambio in panchina.

(la curva tornata a cantare, foto by pagina Facebook Como 1907)

Potrebbe interessarti

Lakes Rally Trophy 2024: si riparte dal rally dei Laghi

La seconda edizione del Lakes Rally Trophy è pronta ad aprire il sipario su...

Il medico del COF Lanzo Hospital salva la stagione di Chiara Ceccotti della Como Women

Ieri Chiara Cecotti si è sottoposta ad un intervento chirurgico in seguito alla lesione...

Tecnosport Rally, da Como alla Dakar Classic: la storia di un team vincente

Nella storia di Tecnosport Rally c'è molto di Como, ed è una di quelle...