Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: un convegno sulle nuove norme, all’Insubria

0
1648

NUOVO CODICE DELLA CRISI D’IMPRESA E DELL’INSOLVENZA:
LE NOVIT
À PER ADDETTI AI LAVORI E CONSUMATORI

Il 7 giugno a Como un convegno organizzato dall’Università dell’Insubria per parlare delle norme entrate in vigore a gennaio 2019

Como, 5 giugno 2019 – Il nuovo «Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza», entrato in vigore a gennaio 2019, ha apportato profonde innovazioni nel campo dell’imprenditoria e del libero professionismo.  Se ne parla venerdì 7 giugno dalle ore 9 in un convegno ospitato dall’Università dell’Insubria nel Chiostro di Sant’Abbondio a Como (via Sant’Abbondio 12), nell’ambito del Didec, il Dipartimento di Diritto economia e culture che organizza l’evento con l’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Como e con il patrocinio dell’Ordine degli avvocati e della Camera civile di Como.

Il nuovo Codice tratta e modifica in modo significativo la disciplina delle situazioni di crisi e di insolvenza del debitore, sia esso un imprenditore, un professionista o un consumatore, sollevando molteplici interrogativi per gli operatori economici, gli studiosi e gli operatori del settore. Il convegno, dedicato ai professionisti del settore e coordinato dai docenti Alessandro Motto e Alessandro Panno, consiste in quattro sessioni, nelle quali professori universitari, magistrati, commercialisti e avvocati si confrontano sui temi sollevati dalla riforma.

Portano i saluti iniziali: Barbara Pozzo, direttrice del Didec; Sandro Litigio, presidente dell’Ordine dei commercialisti di Como; Vincenzo Spezziga, presidente dell’Ordine degli avvocati di Como; Silvia Minoretti, vice-presidente della Camera civile di Como. Lungo l’elenco dei relatori, in ordine di intervento: Paola Parlati, Alessandro Petronzi, Marco Mancini, Maria Francesca Ghirga, Alessandro Motto, Marta Cenini, Sandro Litigio, Renzo Guffanti, Andrea Foschi, Alessandro Panno, Tertulliano Pirondini, Giorgio Zamperetti, Claudio Sottoriva, Chiara Perini.