Cinema, amore mio: Como diventa un set a cielo aperto

Pubblicato il

Cinema, amore mio: Como, per il secondo anno consecutivo, grazie a Cinemadamare e al contributo della Fondazione Comasca, diventa un set a cielo aperto. 220 Filmmaker da oltre 40 paesi, con tappe in 8 regioni dalla Lombardia alla Sicilia: sono i numeri della ventesima edizione di Cinemadamare, il più grande raduno internazionale di giovani cineasti.
Arrivata alla ventesima edizione, la grande manifestazione di Filmmaker ritorna nella città di Como, dove -con 60 filmmaker provenienti da oltre 40 paesi di tutti i continenti- darà vita ad un immenso set, grande come tutta la città: dal 18 di Agosto al 24 Agosto 2022.

Como ha già regalato delle grandissime emozioni a Cinemadamare e i giovani cineasti italiani e stranieri vi soggiorneranno per una settimana per la decima tappa di Cinemadamare 2022. Tutto questo grazie al contributo della Fondazione Comasca che agisce a sostegno del Campus Itienerante.

Una settima di tempo per creare storie a Como

I filmmaker italiani e stranieri, infatti, avranno una settimana di tempo per inventare e scrivere le loro storie, cercare le location e girare le scene. L’ultima sera, mercoledì 24 agosto, ci sarà la proiezione di tutti i cortometraggi in piazza a Como, durante la Weekly Competition. Saranno oltretutto allestite 2 serate di proiezione di film professionali gestite e allestite dallo Staff di Cinemadamare, rendendo la settimana di Como pregna di eventi e valore culturale.
“L’iniziativa di Cinemadamare è una delle più interessanti e innovative che Como abbia mai ospitato e siamo ben felici di poter ospitare di nuovo tutti questi giovani artisti provenienti da ogni parte del mondo” è questo il pensiero di Alessio Sala Tenna della Fondazione Comasca. “Come Fondazione Comasca, siamo estremamente orgogliosi di essere fautori di tale progetto e non vediamo l’ora di vedere cosa hanno in serbo per noi quest’anno i cineasti italiani e stranieri di Cinemadamare”.

I giovani del cinema rendono Como un set a cielo aperto

La bellezza lagunare della città non ha lasciato indifferenti i giovani cineasti italiani e stranieri: “Como mi è fin da subito sembrata una città molto particolare e stimolante.” Afferma in maniera decisa Ernesto Campoy, regista e scrittore dal Messico. “I paesaggi naturali che la città offre sono di grandissima ispirazione e interesse. Sono estremamente curioso come si svilupperà il lavoro in questa settimana e cosa saremo in grado di produrre.”

Piena di energia è invece Patricia Wakim che arriva dal Libano:”Sono solo da pochi giorni a Cinemadamare, ma sono già stata coinvolta in innumerevoli progetti e anche a me sta aumentando la voglia di girare il mio cortometraggio. Penso che Como sia un ottimo luogo dove poter sviluppare e far nascere la mia idea. Sono convinta che l’aiuto di miei colleghi italiani e stranieri sarà fondamentale nella realizzazione del mio progetto”.

 

Potrebbe interessarti

Allerta meteo, nel Comasco temporali e temperature in picchiata

Nuova allerta meteo emessa oggi domenica 21 aprile dalla protezione civile della Lombardia che...

Il 3° Trofeo Classic Lago di Como e il raduno storico

Cresce l'attesa per il doppio evento di primavera legato alle vetture che hanno fatto...

Il Lake Como Wine Festival torna in città: quando e come partecipare

Il lago di Como dal 24 aprile al 1 maggio sarà per il decimo...