Caudotomia e conchectomia: due pratiche illegali ma non ancora estinte

0
2941
Ph Unsplash

La caudotomia e la conchectomia, ovvero il taglio di coda e orecchie per motivi estetici, sono state dichiarate illegali nel lontano 2010, ma sono davvero scomparse? Purtroppo no, e ancora molti cani subiscono questo tipo di maltrattamento senza che i padroni realizzino davvero cosa comporti una mutilazione di questo spessore.

Questi due interventi vengono eseguiti principalmente per motivi estetici ( proprio per questo sono considerati illegali) e per rincorrere a tutti i costi canoni di bellezza fissati decine di anni fa che non hanno più senso di esistere.

Le conseguenze di tali operazioni possono essere gravi su più fronti. Dal punto di vista fisico il nostro cane, oltre ad andare incontro a dolori lancinanti, potrebbe avere problemi di equilibrio e stabilità. Dal punto di vista comportamentale, invece, il nostro cane sarà sicuramente fortemente impedito nella comunicazione intraspecifica e interspecifica. I cani infatti comunicano anche attraverso questi importanti organi e, amputandoli, neghiamo loro la possibilità di comunicare sia con i loro simili, sia di manifestare i propri stati d’animo con noi. Pensiamo ad esempio alla possibilità di scodinzolare o di mettere la coda tra le zampe posteriori nelle situazioni che incutono timore: non avendo la possibilità di esprimersi non capiremo facilmente ciò che il nostro cane vuole comunicare e genereremo in lui una sensazione di disagio e malessere.

La chirurgia estetica nel mondo animale non è ammissibile ed è una forma di maltrattamento al pari di botte e abbandoni (se non più grave). Imporre al proprio animale una mutilazione così invasiva solo perché “è più bello” è un pensiero pericoloso che dimostra come il nostro egoismo ci spinga a ignorare i bisogni della creatura di cui dovremmo prenderci cura.

Sebbene molti paragonino queste pratiche alla castrazione e alla sterilizzazione, occorre ricordare che gli interventi di castrazione e sterilizzazione sono necessari per evitare gravi problemi di salute come tumori e piometra, combattere il randagismo e prevenire cucciolate indesiderate.

Consideriamo poi che, essendo illegale, qualunque veterinario accetti di eseguire i tagli di coda e orecchie potrebbe essere un professionista di dubbia formazione che non opera in condizioni di sicurezza. Affidando il nostro cane nelle sue mani mettiamo in serio rischio la sua vita.