Canton Ticino, il maltempo fa paura: evacuata la Vallemaggia

Pubblicato il

Si è conclusa l’evacuazione disposta in via precauzionale (dato il rischio ideogeologico del territorio già provato dalle passate piogge) dell’alta Vallemaggia in Canton Ticino. Lo Stato Maggiore Regionale di Condotta (SMRC), attivo per far fronte agli eventi accaduti in Vallemaggia, oggi 6 luglio ha comunicato che sono proseguiti i lavori di evacuazione nelle località e comprensori toccati dalla misura precauzionale, disposta nella giornata di ieri in base all’analisi dei rischi effettuata dai servizi tecnici del Dipartimento del territorio. Servizi che hanno definito delle aree di evacuazione e chiusura delle vie di comunicazione per le zone già maggiormente interessate nello scorso fine settimana dai dissesti idrogeologici.

Le persone evacuate

Ieri sono state evacuate via aerea con l’elicottero 9 persone dalla Val Bavona. Oggi alcuni residenti hanno lasciato le zone interessate della Val Lavizzara via strada e in modo autonomo, portando negli zaini e valige gli oggetti personali.

Nonostante le azioni di comunicazione e informazione capillare, una decina di persone ha ritenuto di rimanere nelle proprie abitazioni sebbene quest’ultime siano all’interno delle zone di sbarramento.

Tutte le azioni sono state effettuate in coordinazione con i Comuni interessati e gli enti di primo intervento.

Dalle ore 12 è attiva la chiusura al traffico degli accessi stradali alle zone interessate.

Non sono giunte richieste per alloggiare presso il Centro della Protezione civile di Ascona messo a disposizione per l’occasione in caso di necessità.

Si ricordano le località e zone toccate dalle misure

  • 05.07.2024 Val Bavona, con esclusione del nucleo di San Carlo (Bavona).
  • 06.07.2024 abitato di Prato Sornico nei pressi del riale Scudau.
  • 06.07.2024 gran parte delle abitazioni al Piano di Peccia, in particolare in sponda orografica il nucleo di San Carlo, in sponda destra del fiume di Peccia nelle vicinanze del riale proveniente dall’Alpe di Sovenat e il nucleo di Sant’Antonio. Le persone interessate dalla misura sono state contattate direttamente.
  • 06.07.2024 località Bola-Croisa nei pressi di Mogno (Ri di Röd).

Le citate restrizioni interessano anche le persone preposte ai lavori di ripristino, veicoli e macchine da lavoro. Pertanto all’interno delle zone colpite dalle misure saranno unicamente consentite attività d’urgenza da parte degli enti di primo intervento.

La messa in atto delle disposizioni per questo week end è puntuale ed è basata sulla situazione pregressa. Analisi continue saranno effettuate con lo scopo di aggiornare i piani di emergenza.

Lo SMRC è consapevole della portata delle decisioni per la popolazione della Vallemaggia ed esprime agli abitanti la propria solidarietà in questo difficile momento.

(in copertina foto del ponte crollato del cantante Luis Landrini)

 

Potrebbe interessarti

Maltempo, paura per due ragazze disperse sul Monte San Primo

Grande spavento ieri per due giovani ragazze. Ieri alle 18.20 è giunta alla sala...

Le prossime chiusure sull’autostrada A9 Lainate-Como-Chiasso

Sulla A9 Lainate-Como-Chiasso, per consentire attività di ispezione e manutenzione delle gallerie, saranno adottati...

Lago di Como: “l’overtourism fa male all’ambiente”

L'overtourism sul Lario fa male all'ambiente. O, sarebbe meglio dire, il territorio del lago...