ASF Autolinee dona un mezzo alla sezione di Lurate Caccivio della Croce Rossa Italiana per il trasporto di persone con difficoltà motorie.

Si tratta di un gesto concreto a favore dell’associazione, da anni impegnata a offrire servizi di tutela della popolazione, servizio emergenza-urgenza 112, trasporti socioassistenziali e sicurezza con corsi di formazione per la popolazione.

Uno degli obiettivi della Cri di Lurate Caccivio, in seguito all’emergenza Covid, è incrementare il trasporto di persone in difficoltà sul territorio anche a causa dell’impoverimento del tessuto sociale e della necessità del distanziamento sociale.

Asf ha quindi aderito all’appello della Cri di Lurate Caccivio, scegliendo di non effettuare una semplice donazione, ma di offrire uno strumento immediatamente fruibile e che potesse essere da subito essere messo al servizio dell’intera comunità.

Si tratta di un pullmino da 8 metri, in uso fino al 2020 e opportunamente modificato, adibito per il trasporto di 19 utenti.

La cerimonia di consegna si è svolta nella sede di Asf a Como-Tavernola, alla presenza dei vertici di Asf Autolinee e della Cri di Lurate Caccivio. Per Asf presente il presidente Guido Martinelli e l’amministratore delegato Alberto Toneatto, per Cri Lurate Caccivio il presidente Luigi Clemente e gli operatori Laura Tettamanti e Giuseppe Mandaglio.

«Grazie a Cri per il lavoro che svolge quotidianamente. Con questo gesto, Asf intende essere vicina con un atto concreto alle esigenze del territorio. Il concetto di servizio pubblico, nel nostro caso, si esprime nel trasporto, ma anche nella vicinanza a situazioni particolari, mettendo a disposizione le nostre peculiarità», il commento di Guido Martinelli, presidente ASF Autolinee.