A Como è “bacomania”: tutti pazzi per questo allevamento e domani il raduno

0
1976

Piacciono e sono simpatici. E’ una vera e propria bacomania quella che si è diffusa nel comasco ed in città in particolare grazie al Museo della Seta e la passione di Francesca Paini della Cooperativa Sociale Questa Generazione. Bambini, ma anche tanti genitori, che si sono trasformati in piccoli allevatori di bachi da seta allestendo “bigattiere” di ogni tipo in casa. Il progetto portato avanti dal Museo della Seta ha distribuito circa 500 bachi da seta che nelle case comasche sono cresciuti divorando foglie di gelso e si sono chiusi nel prezioso bozzolo pronti per l’ultima mutazione in farfalle, trasmettendo alle nuove generazioni un sapere antico patrimonio del nostro territorio.

E domani, sabato 26 maggio proprio al Museo della Seta di Como presso la sala interattiva intitolata a Giannino Brenna, si svolgerà un raduno dedicato ai bambini e agli adulti accompagnatori interessati a scoprire l’allevatore di bachi che è in loro: un racconto-esperienza nel quale si sveleranno i piccoli segreti operativi della bachicoltura, dalla predisposizione di un ambiente adatto nel quale allevarli, alla raccolta e preparazione delle foglie del gelso che sono il loro unico nutrimento.

Nella sala sono già presenti tanti bachi che stanno preparando il bozzolo in questi giorni:”Noi racconteremo ai più piccoli come si realizza il “bosco”, l’intreccio di rami sul quale i bachi si arrampicano per chiudersi al suo interno prima di diventare farfalle – spiega Paolo Aquilini, il direttore della struttura di via Castelnuovo -. I bambini possessori di bachi  sono invitati a portarli o a portare i bozzoli se si sono già formati: li peseremo per stabilire il “re dei bachi”, raccoglieremo i racconti dei bambini già allevatori e ne aggiungeremo altri degli aspiranti tali, per concludere in bellezza con una merenda all’aperto sotto i meravigliosi gelsi del nostro Museo“.