44MA GIORNATA PER LA VITA – “CUSTODIRE OGNI VITA”

0
1550

Domenica 6 Febbraio viene celebrata la 44ma Giornata per la Vita, istituita nel 1978 dal consiglio permanente della CEI con la finalità di promuovere l’accoglienza della vita, in particolare della vita nascente. 

La celebrazione avviene ogni anno, la prima domenica di febbraio, e le numerose associazioni locali aderenti al MpV nazionale, accogliendo l’invito dei vescovi, si uniscono ad essi per organizzare momenti di preghiera ed eventi di sensibilizzazione su temi di bioetica. 

Quest’anno il messaggio è incentrato sulle ripercussioni che la pandemia ha avuto (e sta avendo) sulla nostra vita, sul nostro “essere”: ci siamo (forse finalmente, per alcuni) resi conto che non siamo onnipotenti e autosufficienti, mettendo in evidenza la nostra fragilità sia a livello personale che comunitario e sociale. 

Purtroppo anche quest’anno non si possono organizzare eventi per celebrare questa giornata, ma il Centro di Aiuto alla Vita di Como non vuole nemmeno che passi del tutto inosservata. 

Così l’associazione ha pensato, attraverso l’invio di una copia del giornale redatto dal MpV Nazionale (edizione speciale per questa occasione), di creare un evento “virtuale”, ma che potesse toccare i cuori. I vostri sono senz’altro già “toccati” da questo dramma umano e sociale che avviene in modo sistematico, ricorrente e con numeri ormai non più concretizzabili e contestualizzabili. Purtroppo l’IVG è un dramma che riguarda non “solo” il bambino che non riuscirà a venire alla vita, ma anche la donna che si troverà costretta a fare, da sola, una scelta difficile (definita di libertà e autonomia da molti, soprattutto da chi non si “sporca le mani” sul campo) e che la condizionerà psicologicamente per il resto della vita. Non solo: anche se pochi se ne rendono conto, tutta la società subisce questa nefasta azione perché mancano “all’appello” moltissimi bambini (denatalità) e perché è un evento che si porta dietro dolore e sofferenza che non si risolvono facilmente o con una banale pastiglia, ma che hanno ripercussioni sulle relazioni personali e famigliari, sulla stabilità emotiva anche di bambini e giovani; inoltre, visto che per alcuni la visione positiva o negativa concreta di un fatto è direttamente proporzionale a quanti Euro vengono investiti, porta anche ad un aumento delle spese sanitarie e ad una diminuzione della redditività della persona. 

Centro di Aiuto alla Vita di Como ha come mission quella di evitare che molte donne, troppe, debbano ricorrere a questo atto di per sé contro natura e che porta con sé, come già detto, molto dolore.

Centro di Aiuto alla Vita di Como si prende cura di queste donne, ma anche di quelle che, pur trovandosi in una situazione di fragilità personale e/o famigliare, decidono di portare a termine la loro gravidanza e delle neo madri che fanno fatica ed entrare nel loro nuovo ruolo genitoriale. Tutto questo nel pieno rispetto e considerazione della persona, della sua capacità di interazione, di abitudini gestendo le situazioni in modo personale e con grande empatia al fine di far sentire la donna accolta, sostenuta e compresa. 

Nonostante si faccia un gran parlare a favore dell’aborto e contro chi si occupa e preoccupa di far sì che si recuperi una coscienza del rispetto della vita, L’Associazione Centro di Aiuto alla Vita di Como continua nella sua attività perché ritiene che solo in questo modo si potrà recuperare la vera essenza umana che abbiamo ricevuto in dono insieme alla vita. 

Quindi, riprendendo uno dei tanti scritti dell’ex Presidente del MpV Dr. Carlo Casini: 

“Accettare la fatica di andare contro-corrente non ha un valore in sé, ma solo in quanto apre la strada alla speranza. 

La speranza infatti è tesa al futuro, non invoca il passato. 

E’ longanime: sa vedere il positivo possibile anche se ridotto a scintille tra la cenere. 

E’ fiduciosa: non vede nemici ovunque. 

E’ operosa: tende a costruire più che a contestare e denunciare”. 

CENTRO DI AIUTO ALLA VITA ODV
V.le C. Battisti 8 – 22100 COMO Tel. 031/279322 – Cell. 333491126
Associazione: [email protected]