Razionalismo: una raccolta firme per un museo nell’ex Casa del fascio di Como

0
934

Alla CANOTTIERI LARIO di viale Puecher 6 a Como – MARTEDI’ 11 APRILE ORE 18.30
MAARC presenta la petizione “PER UN MUSEO DEL RAZIONALISMO NELL’EX CASA DEL FASCIO DI COMO”

Presentazione dell’iniziativa di raccolta firme “Per un museo del razionalismo nell’ex Casa del fascio di Como”

Relatori

CARLO BERTELLI: “Musei di architettura: perché?”

LORENZO DEGLI ESPOSTI: “Terragni siamo noi: l’eredità del maestro razionalista tra Italia e USA”

membri del Comitato scientifico insieme a: Peter Eisenman, Alberto Ferlenga, Maria Giuseppina Grasso Cannizzo, Heike Hanada, Jan Kleihues, David Rifkind, Giovanni Marzari, Rafael Moneo, Vittorio Sgarbi, Benedetta Tagliabue, Cino Zucchi.

la locandina dell’iniziativa legata al razionalismo: una raccolta firme per un museo

 

M A A R C (Museo virtuale Astrattismo e Architettura razionalista di Como) è un centro di ricerca web dedicato ai movimenti artistico-architettonici dell’astrattismo e del razionalismo, che a Como hanno visto la luce e che hanno prodotto un patrimonio artistico di eccellenza e di interesse internazionale.

M A A R C sarà di supporto alla conoscenza delle opere degli astrattisti custodite nella Pinacoteca Civica e delle architetture razionaliste che costituiscono un importante percorso museale a cielo aperto lungo la città, e rivolgerà l’attenzione anche ai temi dell’architettura post razionalista, in particolare quella riferita agli anni 50/60 ancora oggi non del tutto indagati. Il museo virtuale che ci proponiamo di realizzare non vuole sostituire l’esperienza della conoscenza diretta, ma piuttosto integrarla e promuoverla, rivolgendosi ad un pubblico sia generico che di specialisti, e, utilizzando le nuove tecnologie e modalità di comunicazione offerte dal web, ampliare i tradizionali confini della divulgazione scientifica del nostro ricchissimo patrimonio.

Uno degli aspetti più innovativi del cosiddetto “museo virtuale”, come testimoniano i sempre più numerosi studi sul tema, riguarda la sua essenza: il museo virtuale, infatti, non si configura come la semplice riproposizione di opere artistiche e architettoniche custodite nei musei reali e nelle città, ma piuttosto come un centro di produzione culturale in grado di veicolare, ad un pubblico di utenti di diverso livello, messaggi complessi e in continua evoluzione, attuando un dialogo proficuo e stimolante con il proprio contesto. In questa logica si inserisce il progetto M A A R C, che si propone di diventare un motore di iniziative culturali proficue per la città oltre che per i suoi utenti virtuali.

palazzo terragni gioiello architettonico del razionalismo

 

Como è una delle città capitali del Razionalismo e dell’Astrattismo, riconosciuta internazionalmente, grazie alla straordinaria concentrazione di personalità artistiche vissute nel nostro territorio nei primi decenni del secolo scorso: Giuseppe Terragni, Cesare Cattaneo, Pietro Lingeri, Gianni Mantero, per citare solo gli architetti più noti, sui quali si proietta la luce dell’astro di Antonio Sant’Elia e poi quella di Manlio Rho, Mario Radice, Aldo Galli, Carla Badiali e Carla Prina.

Razionalismo, dunque, per diffondere la conoscenza del valore artistico e architettonico delle opere che ne sono espressione, così da far crescere la consapevolezza comune che è necessario proteggerle e tutelarle nell’uso e nella conservazione.

Razionalismo, inoltre, perché il patrimonio legato ad esso può costituire, se valorizzato sapientemente, un importante elemento di attrazione per indirizzare settori del turismo culturale di eccellenza verso la nostra città.

Tenendo nel cuore l’obiettivo ideale di un Museo del Razionalismo costituito dalla Casa del Fascio e dall’ex ULI che raccolga gli archivi dei protagonisti, le opere degli astrattisti, i mobili di design dell’epoca e gli spazi per un Centro Studi, c’è qualcosa che fin da subito possiamo costruire: un museo virtuale, M.A.A.R.C. (museo astrattismo e architettura razionalista di Como), capace di porsi come strumento al servizio del turismo culturale in costante aumento, sensibile all’arte e all’architettura del Novecento per il quale Como costituisce un luogo d’eccellenza.