I Dialoghi degli Dei per la stagione di prosa al San Teodoro di Cantù

0
1920

DIALOGHI DEGLI DEI

sabato 26 gennaio

ore 21

Teatro San Teodoro

via Corbetta 7 a Cantù

 

Un teatro surreale per esprimere una realtà stereotipata, e irrorarla con una ventata d’aria fresca. È scoppiettante l’incontro fra I Sacchi di Sabbia (plurupremiata compagnia tosco-napoletana) e Massimiliano Civica (Premio Hystrio 2018 per la regia), dissacrante regista della scena contemporanea italiana. A essere rappresentata è la scuola, con il suo corredo di tic, nevrosi e piccole iniquità.

una scena dello spettacolo

La fortuna di Luciano – scrittore e retore greco, di origine siriane, nato a Samosata nel 125 d.C. – è legata soprattutto alla serie dei cosiddetti Dialoghi degli dei: un divertissement squisitamente letterario, in cui l’autore, attingendo dal patrimonio del mito, offre una rappresentazione originale, ironica, sorprendentemente quotidiana della cosmogonia classica. Gli scontri “familiari” tra Zeus e Era, le continue lagnanze per le malefatte di Eros, i pettegolezzi tra Dioniso, Ermes ed Apollo resistono alla sfida del tempo, continuando a farci sorridere, ergendosi anzi a topos di molti meccanismi che animeranno poi la commedia moderna.

È sorprendente come, a distanza di secoli, questi Dialoghi continuino ad “intrattenere” l’ascoltatore: queste deliziose miniature, cesellate in un fraseggio agile ed arguto, continuano ad essere “discorsi per far passare il tempo”.
Insieme per la prima volta I Sacchi di Sabbia e Massimiliano Civica – con il sostegno della Compagnia Lombardi-Tiezzi – si interrogano proprio sul senso profondo della parola “intrattenimento”, alla divertita ricerca di forme desuete per “passare il tempo”.

Sono ventisei brevi discorsi degli Dèi e degli eroi della religione greca, scritti nel II secolo da Luciano di Samosata, scrittore e retore greco antico di origine siriana, celebre per la natura arguta e irriverente dei suoi scritti satirici. La raccolta fa parte di altre quattro dei cosiddetti Dialoghi (comprendenti discorsi sui morti, sulle creature marine e sulle cortigiane).
Ciascun dialogo ha due interlocutori: un dio e un mortale riguardo al destino che è toccato nella maggior parte dei casi all’uomo punito. In altri invece si fa riferimento a determinate situazioni che hanno permesso l’incontro tra la divinità e il mortale.

In particolare i “dialoghi” di Luciano si contraddistinguono per la loro scioltezza e capacità di coinvolgere il lettore, catapultandolo in universo totalmente diverso dal mondo religioso e dai miti che fino a quel momento si conoscevano. Infatti tali storie secondo le regole della mitologia erano formate da uno schema ben preciso che implicava l’errore dell’eroe o di un mortale qualsiasi e quindi la sua punizione da parte di una divinità. Luciano nei dialoghi cerca di mettere a luce le opinioni e i sentimenti dei condannati, creando una sorta di seguito di ciascun mito.

Lo stile adottato da Luciano è particolarmente semplice e diretto, capace di suscitare risa e stupore di fronte alle narrazioni dei personaggi, ma vi sono anche momenti seri e di riflessione, che non tralasciano tutto sommato nella storia i motivi delle cause e degli avvenimenti dei protagonisti.

uno spettacolo di Massimiliano Civica (premio Ubu 2017 miglior regista) e I Sacchi di Sabbia
con Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Iliano, Giulia Solano
produzione Compagnia Lombardi-Tiezzi
in co-produzione con I sacchi di sabbia e il sostegno della Regione Toscana

info@teatrosanteodoro.it
338 2170275 | 331 9780855