Debutto coloratissimo per L’Elisir d’Amore di Opera Domani. Dal 16 anche per famiglie. La soddisfazione di Fedora Sorrentino

0
891

L’OPERA CRESCE CON TE
OPERA DOMANI – XXIII EDIZIONE
IL PROGETTO CHE INVITA ALL’OPERA IL PUBBLICO DI DOMANI (6 – 13 ANNI)

 

L’ELISIR D’AMORE. UNA FABBRICA DI IDEE
Tratto dall’opera di Gaetano Donizetti
da L’Elisir d’Amore
Musica di Gaetano Donizetti. Libretto di Felice Romani
Adattamento musicale e drammaturgico a cura di AsLiCo

Direttore Azzurra Steri

Regia Manuel Renga

Scene e costumi Aurelio Colombo
Assistente alla Regia Sara Dho
Assistente a scene e costumi Mara Ratti

Orchestra 1813
Produzione AsLiCo – Nuovo allestimento
in coproduzione con Theatre des Champs Elysees di Parigi e Opera de Rouen

Opera domani – XXIII edizione
Progetto per la produzione di opere liriche introdotte da percorsi didattici

In collaborazione con CEPELL (Centro per il Libro e la Lettura)
In partnership con DHL

DEBUTTO NAZIONALE 11 febbraio 2019 ore 9.00, 11.00 e 14.30 (recite per le scuole)
16 febbraio ore 16.00 e 20.30 (recite per le famiglie) @Teatro Sociale di Como

 

Ecco i numeri di questa edizione: 
Como: 22 recite in 9 giorni, con più di 11.000 spettatori tra bambini e insegnanti
Lombardia: 12 città con oltre 50.000 presenze
Italia: 145 recite con oltre 90.000 ragazzi coinvolti

 

Opera Domani, Il format di AsLiCo dedicato alla fascia d’età 6 – 13 anni, prepara bambini e ragazzi (e prima i loro insegnanti) alla visione partecipata dell’opera lirica, attraverso un coinvolgente percorso didattico, che li immerge nel mondo della musica e permette di vivere ‘attivamente’ l’esperienza dello spettacolo. L’edizione di quest’anno è dedicata a L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti che debutta l’11 febbraio 2019 con le recite scolastiche al Teatro Sociale di Como, in una speciale rivisitazione all’interno della Fabbrica di sciroppo per la tosse Elisir, ambientata negli anni ’30, con la regia di Manuel Renga. La data comasca darà il via alla tournée italiana di repliche scolastiche e spettacoli aperti ad un pubblico di famiglie, Opera Family con debutto il 16 febbraio alle ore 16.00 e 20.30 a Como.

Anche quest’anno la proposta didattica è ricca ed articolata. Accreditati presso il MIUR, i percorsi scolastici di preparazione si differenziano in attività specifiche e mirate alle esigenze di ogni età: Opera Domani PLUS è la versione del progetto dedicata agli studenti delle   scuole   medie   che   avrà   contenuti   differenziati   e   più    adatti    ai    ragazzi preadolescenti.

 

NOTE DI REGIA “Il nostro Elisir si svolge negli anni ‘30 del secolo scorso, nella fabbrica di Sciroppo per la tosse Elisir. Questa fabbrica è grigia e triste. Lo sciroppo prodotto, di per sé odiato dai bambini, è cattivo e molto amaro. La fabbrica è un luogo dove manca la dolcezza, dove manca la felicità perché nessuno ha il coraggio di provare a cambiare la ricetta, nessuno ha il coraggio di osare.

Saranno i bambini e ragazzi di Opera domani a osare e migliorare la ricetta, saranno i lavoratori notturni della fabbrica, che porteranno in teatro gli ingredienti segreti contro le amarezze della vita e salveranno le sorti della fabbrica. Con L’elisir, quest’anno, affrontiamo in classe il tema della creatività, dell’iniziativa, del lavoro e della lettura come strumento di formazione dell’identità e conoscenza di sé. Ci saranno nuove proposte interdisciplinari legate al mondo della comunicazione, delle fake news e delle interazioni sociali online”.

EDUCARE ALL’OPERA LIRICA: MISSIONE POSSIBILE

Nutrire il naturale entusiasmo dei giovani per la musica e accendere la passione per un genere

musicale spesso considerato ‘noioso’, difficile o nel migliore dei casi, riservato ad una ristretta cerchia di estimatori, è la missione di AsLiCo che, con Opera Domani, è diventata ormai una realtà consolidata in moltissime città italiane. Imparare a cantare alcune arie dell’opera e costruire piccoli oggetti di scena con cui intervenire dal proprio posto in platea, queste sono alcune delle attività di Opera Domani che trasformano i piccoli spettatori in protagonisti di uno spettacolo di opera lirica in piena regola.

Da sempre l’opera lirica fonde la magia della musica dal vivo, del canto e del teatro con i colori delle scene, dei costumi e i contenuti importanti che ogni storia racconta. Opera Domani è scardina la percezione ‘impolverata’ dell’opera realizzando spettacoli, collegati a percorsi didattici, a cui i bambini partecipano attivamente. AsLiCo la chiama opera partecipata perché il pubblico è coinvolto sia prima che durante lo spettacolo.

“Ho visto crescere il progetto di Opera Domani – afferma Fedora Sorrentino, Presidente del
Teatro Sociale di Como, AsLiCo
  – in Italia e all’estero, con numeri di recite e bambini coinvolti, che aumentano a livello esponenziale di anno in anno, e così di stagione in stagione siamo in tournée in Italia e in contemporanea all’estero, con produzioni diverse: ora ad esempio partiamo in Italia con Elisir, mentre conCarmen in Europa, intanto stiamo già programmando Rigoletto per il 2020.  Si tratta di un’operazione imponente, che comporta grandi sforzi di produzione e programmazione, una gestione complessa. Proprio in questo progetto muovono i primi passi alcuni vincitori del Concorso AsLiCo, che quest’anno è giunto alla 70° edizione, e proprio in questi allestimenti si cimentano giovani registi e direttori d’orchestra, chiamati questi ultimi a dirigere non solo l’Orchestra 1813, ma centinaia di bambini. Coordinare palcoscenico, cantanti, musicisti e bambini all’unisono, il cui suono giunge da ogni parte del teatro, non è un’impresa facile: oltre al diploma in conservatorio, occorre avere talento ed essere multitasking e tenere occhi e bacchetta a 360 gradi. Sono felice che sia nuovamente Azzurra Steri, dopo Carmen nella passata stagione, a dirigere quest’anno L’elisir d’amore, non solo a Como per 22 recite, ma per altre 150 repliche in tutta Italia. Ha iniziato da noi a 25 anni, ora a 26 anni ha già macinato centinaia di alzate di sipario, con situazioni spesso imprevedibili. Questo è il nostro Teatro, una macchina che produce, esporta un modello (lo fa da 23 anni), e offre opportunità concrete, consolidando primati importanti.”